#RedWeek illumina edifici e coscienze per ricordare i cristiani perseguitati nel mondo

Migliaia di persone hanno partecipato ad eventi per ricordare i cristiani perseguitati e alzare la voce in difesa della libertà religiosa.

Alcuni dei monumenti illuminati
Foto: ACN
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Diverse centinaia di edifici, da Sydney, in Australia, a Parigi, in Francia, sono stati illuminati di rosso durante la #RedWeek che si è conclusa il #RedWednesday, 24 novembre. Migliaia di persone hanno preso parte a messe, veglie di preghiera, processioni, conferenze, concerti e altre iniziative per ricordare i cristiani perseguitati e alzare la voce in difesa della libertà religiosa.

Quest'anno molti Paesi hanno scelto di dedicare a questa causa la settimana che precede il 24 novembre, chiamandola #RedWeek, o Settimana dei Testimoni, per denunciare soprattutto la condizione delle ragazze e delle donne delle comunità cristiane minoritarie, particolarmente esposte alla violenza sessuale e abuso.

Per l'occasione, la pontificia fondazione e beneficenza Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) ha lanciato il rapporto Hear Her Cries, edito da ACS nel Regno Unito. La pubblicazione di 52 pagine presenta casi reali e resoconti di prima mano delle vittime, tra cui tre donne egiziane, due irachene, una dal Mozambico, tre dalla Nigeria e tre dal Pakistan. Questo rapporto è stato presentato durante gli eventi tenuti nel parlamento scozzese e nella cattedrale di Westminster, a Londra, nonché durante una funzione presieduta dall'arcivescovo Eamon Martin di Armagh, in Irlanda.

ACN UK ha anche lanciato una petizione che invita l'ONU e le autorità del Regno Unito ad adottare misure più efficaci per contrastare l'epidemia di violenza sessuale contro donne e ragazze cristiane e quelle di altre minoranze religiose.

Un altro dei momenti salienti della #RedWeek di quest'anno è stata l'illuminazione in rosso della cattedrale maronita di Sant'Elia, ad Aleppo, in Siria, dove rappresentanti di diverse comunità di fede cristiana si sono riuniti per un servizio di preghiera in memoria della Chiesa sofferente di tutto il mondo. Il luogo era particolarmente suggestivo, in quanto la Cattedrale di Sant'Elia è stata gravemente danneggiata durante la guerra siriana ed è stata ricostruita con il sostegno di ACN.

In Colombia è stata sottolineata anche la sofferenza dei cristiani in Siria, attraverso la testimonianza di suor Guadalupe Rodrigo, missionaria vissuta in Siria nei momenti più duri della guerra. Con il titolo "Ascolta il loro grido: donne perseguitate per la loro fede", ACS Colombia ha celebrato la Settimana Rossa a Medellín, a Barranquilla ea Bogotá. Nel sud del paese, a Ipiales, è stata illuminata di rosso l'imponente chiesa di Nostra Signora del Rosario di Las Lajas, in memoria dei martiri della Chiesa.

Per la prima volta anche Ucraina e Bosnia Erzegovina hanno aderito all'iniziativa: si sono illuminate di rosso la cattedrale greco-cattolica della Resurrezione di Kiev e la cattedrale di Sarajevo.

L'Austria è un paese in cui #RedWednesday ha ottenuto un significativo sostegno pubblico e statale. Quest'anno, oltre a più di 100 chiese, monasteri e monumenti, sono stati illuminati di rosso anche almeno tre importanti edifici pubblici, tra cui il Parlamento, la Cancelleria federale e il Ministero dell'Interno.

In Germania oltre 120 chiese – comprese le cattedrali di Passau e Paderborn – hanno aderito all'iniziativa. In diversi eventi, cristiani provenienti da Eritrea, Egitto e Niger hanno dato testimonianza di persecuzione e riconciliazione, tra cui padre Pierluigi Maccalli, missionario italiano detenuto per oltre due anni dalle milizie jihadiste in Mali.

A Parigi, la Basilica del Sacro Cuore di Montmartre si è illuminata di rosso per sensibilizzare alla libertà religiosa. È stata organizzata una veglia di preghiera trasmessa in diretta dal canale televisivo cattolico. Alla processione hanno preso parte persone che portavano sagome rosse come simbolo dei cristiani perseguitati nel mondo.

La Repubblica Ceca ha superato quest'anno tutti i precedenti sforzi di mobilitazione in difesa della libertà religiosa con 190 edifici illuminati di rosso in tutto il territorio. Il programma a Praga includeva una conferenza all'Università di Karlova, per identificare modi concreti per aiutare i perseguitati, e un concerto di raccolta fondi televisivo nazionale presso la Scuola di Musica. Diverse ambasciate ceche si sono illuminate di rosso. Le commemorazioni sono ospitate congiuntamente dalla Conferenza episcopale cattolica, dal Consiglio ebraico, dal Concilio ecumenico e dal think tank KD.

In Portogallo, oltre a diverse parrocchie, sono stati illuminati molti monumenti, come la statua del Cristo Re che si affaccia su Lisbona dall'altra parte del fiume Tago e il Santuario di São Bento da Porta Aberta a Braga, nel nord.

I cristiani in Polonia si sono vestiti di rosso, hanno tenuto lanterne rosse e sono scesi in piazza per una marcia silenziosa in memoria di coloro che soffrono per la loro fede. Dopo la marcia, che si è tenuta a Poznan, i partecipanti hanno ascoltato due testimonianze di cristiani perseguitati, oltre a preghiere e canti in aramaico, lingua parlata da molti cristiani in Medio Oriente. Intorno al paese i palazzi e le chiese erano illuminati di rosso.

In Slovacchia sono stati illuminati almeno 40 edifici, tra cui il castello di Bratislava e le principali cattedrali delle diocesi del paese. Molte chiese hanno organizzato preghiere per ci è perseguitato

L'Ungheria ha voluto aderire all'iniziativa a livello internazionale illuminando di rosso le sue ambasciate. La partecipazione nel Paese è stata ecumenica, con l'illuminazione rossa della Grande Chiesa Riformata a Debrecen e della Basilica a Esztergom.

In Canada, #RedWeek è stata osservata dai fedeli delle diocesi di Québec, Montréal, Toronto, Medicine Hat, Ottawa e Chicoutimi. Due santuari nazionali si sono uniti per la prima volta: la Basilica dell'Oratorio di San Giuseppe a Montréal e la Basilica di Nostra Signora del Capo a Trois-Rivières.

In Australia tre cattedrali – Sydney, Melbourne, Hobart – sono state illuminate di rosso e hanno celebrato una messa o un servizio di preghiera con testimonianze di cristiani perseguitati.

Oltre alle luminarie, molti studenti delle scuole elementari e superiori hanno partecipato alla giornata di preghiera per i cristiani perseguitati, vestendosi di rosso in diversi paesi del mondo, ad es. Canada, Australia, Regno Unito o Slovacchia.

L'iniziativa del mercoledì rosso è iniziata nel 2015 come parte del continuo sforzo di Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) per richiamare l'attenzione sulla sofferenza e la persecuzione dei cristiani e che il martirio per la fede in Cristo non è una cosa del passato.

Ti potrebbe interessare