Renovabis, dalla Germania una mano tesa all’Ucraina

L'impegno della organizzazione di soccorso per l’Europa orientale della Chiesa cattolica in Germania

L'attività di Renovabis in Ucraina
Foto: Renovabis . FB
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Tra tutte le organizzazioni caritative di ispirazione cristiana presenti in Germania, l’inizio della guerra in Ucraina, lo scorso 24 febbraio 2022 e l’emergenza umanitaria che ne è conseguita, hanno sollecitato in modo particolare l’intervento di Renovabis, che da quasi trent’anni fa dell’aiuto nell’Europa dell’Est, statutariamente, la sua missione.

In che modo l’organizzazione è intervenuta nella crisi ucraina lo spiega ad Acistampa, Thomas Schumann, addetto stampa e direttore della Comunicazione di Renovabis. 

Signor, Schumann, Rovabis è "l’organizzazione di soccorso per l’Europa orientale della Chiesa cattolica in Germania". Per favore, spieghi storicamente questo riferimento all’Europa dell’Est? Come è nato Renovabis e a quale scopo?

«Renovabis è stata fondata nel 1993 dalla Conferenza episcopale tedesca su suggerimento del Comitato centrale dei cattolici tedeschi (ZdK). Da allora, ogni anno, si svolge una campagna di Pentecoste a livello nazionale che dura diverse settimane. La campagna termina la domenica di Pentecoste con una colletta nelle parrocchie cattoliche in Germania. L’organizzazione, con sede a Frisinga, vicino a Monaco di Baviera, sostiene progetti per rinnovare la vita ecclesiale e sociale in 29 paesi ex comunisti dell’Europa orientale. Renovabis promuove partenariati e lavora affinché "le persone dell’Est e dell’Ovest imparino le une dalle altre, coltivino la loro fede insieme e creino così un vicinato di fiducia". Dalla sua fondazione Renovabis ha sostenuto circa 25.400 progetti partner con ben 820 milioni di euro».

Dunque avete sicuramente già una lunga esperienza di intervento anche in Ucraina…

«Solo in Ucraina, più di 4.000 progetti sono stati sostenuti dai partner già a partire dal 1993, con un finanziamento totale di più di 125 milioni di euro. Lo spettro degli interventi spazia dalla Chiesa e dalla cura pastorale, ai progetti sociali e caritatevoli, all’educazione e ai progetti di comunicazione. Il principio di aiutare le persone ad aiutarsi è sempre quello che ci ispira».

Come sta organizzando Renovabis l’aiuto all’Ucraina e ai rifugiati ucraini?

«Più di sette milioni di euro sono già stati stanziati per progetti di aiuto in Ucraina e un altro milione a favore dei paesi ospitanti dell’Europa orientale. La Chiesa cattolica ha raggiunto accordi per assicurare che i fondi di aiuto di Caritas International, Misereor e Renovabis siano coordinati e implementati sul terreno in Ucraina e nei vicini paesi dell’Europa orientale, che vengono raggiunti per primi dalle persone che fuggono dalla guerra. Questi rifugiati devono ricevere aiuto in modo pianificato ed efficiente per ciò che riguarda l’alloggio, il cibo, l’assistenza medica e sostegno. Da alcuni giorni, sotto la direzione congiunta di Caritas International e Renovabis, tutte le donazioni e i finanziamenti dei progetti sono stati registrati e coordinati dalle diocesi tedesche, dalle organizzazioni umanitarie e dalle grandi associazioni».

In che modo vengono spesi concretamente i fondi di queste donazioni? 

«Solo Renovabis ha investito più di 500.000 euro in 15 progetti gestiti dai suoi partner locali, che hanno usato il denaro per dare alle donne con bambini, in particolare, un tetto sicuro sulla testa e per fornire loro un sostegno psicologico dopo le loro esperienze traumatiche».

E poi ci sono i paesi vicini, direttamente coinvolti nel soccorso a chi scappa dalla guerra…

«Infatti Caritas International e Renovabis sostengono anche i paesi riceventi. Qui, la solidarietà di tutti i paesi dell’Unione europea deve distribuire il peso su molte spalle. In Polonia, Repubblica di Moldavia, Romania e Slovacchia, per esempio, il partner di cooperazione Caritas International ha collocato per il momento altri 800.000 euro nei centri di assistenza. Il direttore di Renovabis Schwartz ha detto che quello che serve è una vera cultura dell’accoglienza e della carità in tutti i paesi europei».

State già ricevendo feedback sull’efficacia dei vostri aiuti?

«Sì, certo. Un partner di lunga data del progetto Renovabis, Andrij Waskowycz, che attualmente dirige un nuovo ufficio per il coordinamento delle iniziative umanitarie del Congresso Mondiale degli Ucraini a Lviv e Varsavia con l’aiuto di Renovabis, ha confermato che l’aiuto iniziato dalla Chiesa tedesca nel suo paese natale sta arrivando a destinazione e allevierà molti bisogni».

Un’ultima domanda. In che modo si potrebbe dire che la fede cattolica ispiri le azioni di Renovabis?

«Il nome latino dell’organizzazione umanitaria risale al Salmo 104 e significa "Tu rinnoverai". Questo è ciò che significa letteralmente "renovabis". Più in dettaglio il Salmo recita: "Tu mandi il tuo spirito: Essi sono creati e tu rinnovi la faccia della terra". Quando l’azione di solidarietà dei cattolici tedeschi fu fondata al momento del declino dei sistemi di governo comunisti, alla fine degli anni ottanta e durante i primi anni novanta del XX secolo, fu vista l’opportunità di sostenere le Chiese e le società dell’Europa orientale nel loro rinnovamento. Si trattava di maggiori e nuove possibilità di cura pastorale e anche di portare l’immagine cristiana dell’uomo nella società civile e nelle sue forme di governo. Si trattava della partecipazione di tutti i gruppi di popolazione alla vita della comunità sociale».

Ti potrebbe interessare