Riconciliazione, povertà, difesa dell'ambiente nella visita del Papa in Colombia

Il logo della visita del Papa in Colombia
Foto: vatican.va
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La prima tappa è Bogotà. Il Papa ci arriva i 6 settembre prossimo alle 16.30. La cerimonia di benvenuto sarà l’unico appuntamento della giornata. La mattina dopo  nella Plaza de Armas della Casa de Nariño Francesco incontra le autorità e pronuncia il primo discorso, poi incontra il presidente della repubblica nel Salone Protocollare della Casa de Nariño.

Subito dopo la visita diventa religiosa con la visita alla cattedrale e la benedizione dei fedeli dal balcone del Palazzo Cardinalizio. Nello stesso palazzo, I nel salone del Palazzo Cardinalizio il Papa incontra i vescovi del paese alle 11.00 ed è previsto il secondo discorso.

Nel primo pomeriggio alle 15.00 Papa Francesco incontra il Comitato Direttivo del CELAM nella Nunziatura Apostolica e anche in questo caso è previsto un discorso. Subito dopo grande celebrazione eucaristica nel Parco Simon Bolivar. 

Il secondo giorno il Papa lo trascorre a Villavicencio dove celebra la Messa nel terreno CATAMAe  dopo pranzo guida il “Grande incontro di preghiera per la riconciliazione Nazionale” alle 15.40 nel Parque Las Malocas, poi Sosta alla Croce della Riconciliazione nel Parque de los Fundadores e alle 18.00 riparte per Bogotà.

É il momento centrale del viaggio che anche se non ha ovviamente un intento politico avviene proprio in un momento in cui l’accordo di pace con le Farc, i guerriglieri che hanno seminato violenza e morte per 60 anni, sta cercando la sua realizzazione. La popolazione è fortemente divisa tra coloro che legati alla linea di Uribe sono contrari all’accordo che “condona” i crimini e coloro che invece vedono in questo accordo l’unica possibilità per il paese di uscire dalla spirale di violenza anche se il processo sarà lento e doloroso.

Anche i vescovi del resto sono su due fronti e per questo l’incontro anche con il direttivo della Conferenza episcopale latinoamericana sarà significativo. Il Papa sarà a gennaio in Perù e Chile proseguendo così il suo viaggio nel continente da cui proviene che vive situazioni drammatiche in paesi come il Venezuela e il Brasile.

Villavicencio è la vera novità del viaggio. Lo sguardo del Papa sarà verso i temi della difesa dell’ambiente. Le altre città erano state visitate da Giovanni Paolo II nel 1986  quando la Colombia era sconvolta dal terrorismo e dal narcotraffico. C’erano i diritti degli indios da proteggere e Giovanni Paolo II diede  ad un indio durante la messa a Popayan, e ai campesinos che con lui pregano al santuario di  Chiquinquirà a 2500 metri di altezza. Allroa la piaga della Colombia sono i “cartelli” della produzione della droga. Lo sono ancora oggi e una delle questioni anche nell'accordo di pace con le Farc è proprio quella della riconversione dei campi di cocaina. 

A Medellin Papa Francesco si reca il 9 settembre sempre in giornata volando da Bogotà. Alle 10.15 celebra la Messa nell’Aeroporto Enrique Olaya Herrera, poi alle 15.00 si svolge un incontro nel Hogar San José. Il programma ufficiale non aggiunge altro. Si tratta di una opera sociale di assistenza soprattutto ai bambini. Una Casa famiglia per l'accoglienza e tutela delle ragazze e bambine vittime del desplazamiento colombiano. Qui ricevono affetto, assistenza medica e psicologica, e la possibilità di continuare la propria formazione scolastica, di superare le difficoltà e i traumi di una vita segnata dal dolore, di sentire il calore di una grande famiglia e di vivere la speranza di un futuro migliore. Medellin è nella regione più cattolica della Colombia e il Papa guarda alle vocazioni.

Poi il Papa incontra i sacerdoti e i religiosi con le famiglie di appartenenza nello Stadio Coperto La Macarena, infine il rientro a Bogotà.

L’ultimo giorno della sua permanenza il Papa lo dedica a Cartagena con una attenzione ai temi della vita degli indios e alla questione della povertà,  e il suo primo atto sarà la benedizione della prima pietra delle case per i senzatetto e dell’Opera Talitha Qum nella Piazza S. Francesco d’Assisi.

Una visita speciale alla Casa Santuario di San Pietro Claver, alle 12 il Papa reciterà l’Angelus sul piazzale di fronte alla casa.

Nel pomeriggio il Papa si reca alla  Base Navale all’area portuale del Contecar dove celebra la Messa alle 18.30. Si conclude così il viaggio in Colombia, da Cartagena il Papa riparte per Roma dove l’arrivo è previsto per le 12.40 dell’ 11 settembre.

 

Ti potrebbe interessare