Advertisement

Salvatore Martinez, siamo invitati a seguire Gesù grazie allo Spirito Santo

Quale ‘cultura della Pentecoste’ è necessaria oggi ?

 | RnS | RnS

‘Mi ami tu?’: questa la Parola che ha guidato la 46^ Conferenza Nazionale Animatori, a conclusione di questo speciale Anno giubilare, come ha affermato il presidente nazionale del ‘Rinnovamento nello Spirito’, Salvatore Martinez, consultore del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione: “Siamo invitati a seguire Gesù e a restare nell’effusione dello Spirito, a sentirne gli effetti benefici, a ricevere l’unzione necessaria per avanzare e fare avanzare il nostro cammino”.

Era infatti l’autunno del 1971 quando il Rinnovamento Carismatico Cattolico cominciava a muovere i primi passi e, dal gennaio 1972, vedeva sorgere i primi Gruppi, a Roma (Pontificia Università Gregoriana) e a San Mauro Pascoli (Rimini). Una lunga storia, che, come ha sottolineato Salvatore Martinez, “tra memoriale e memoria grata, merita di essere narrata alle nuove generazioni e consegnata come ‘eredità spirituale’ a chi proseguirà il cammino che lo Spirito traccerà ancora”.

Al presidente Salvatore Martinez chiediamo di raccontarci cosa significa celebrare il Giubileo d’Oro: “Siamo entrati nel Terzo Millennio e insieme ad altri Movimenti e Comunità abbiamo segnalato nella Chiesa l’utilità comune dei diversi carismi, inaugurando una bella e nuova stagione di ‘maturità ecclesiale, comunione e impegno’, richiestaci da san Giovanni Paolo II alla fine del secondo millennio di vita cristiana. Il Giubileo d’Oro rappresenta, dunque, ‘un vero e proprio kairos, per aprire ancora i cuori allo stupore e alle novità dello Spirito’.

Così ebbi a esprimermi nel saluto in occasione della Concelebrazione eucaristica di apertura del nostro Giubileo d’Oro, presieduta dal card. Stanislaw Rylko il 26 novembre 2021 presso la Basilica Papale di Santa Maria Maggiore in Roma. E’ stato uno speciale Anno di grazie, di eventi e missioni proiettati a un nuovo invio, a un rilancio della spiritualità carismatica e della cultura della Pentecoste. Guardando al tempo presente, non ci facciamo illusioni!

Quanto accade attorno a noi impone il realismo della fede: l’umanità sta perdendo Dio e dunque l’uomo e il suo destino celeste. La gente spesso lascia la Chiesa; i giovani sono attratti da proposte di felicità fallaci, che non producono salvezza. Il Giubileo, pertanto, ha rappresentato una sfida esaltante: ridare un orizzonte testimoniale alla nostra fede e, al contempo, rimettere in circolo un pensiero cristiano, ‘originante’ un nuovo contatto con gli ideali e con le buone prassi.

Advertisement

Ma non serve attardarsi con vane illusioni o strategie senza discernimento dei segni dei tempi: la crisi è spirituale e, dunque, necessita di una robusta risposta spirituale, a livello ecclesiale e sociale, culturale e politico. Occorre tornare a pregare Dio per avere ‘strategia’ e dunque tornare ad ascoltare la voce dello Spirito che parla attraverso la Parola. Senza questo ‘metodo’ anche nei Sinodi in corso potremmo dire di ‘ascoltare lo Spirito’, ma in realtà più che volontà di Dio ascolteremmo le voglie di uomini e donne.

Occorre rischiare con la fede e con un livello di Parola più profondo, confidando nel potere dello Spirito e non sulle nostre forze, valorizzando tutti i carismi e i ministeri che ci sono concessi. Non è questo il momento di rassettare le reti o di conservare i talenti in attesa di tempi migliori. Non possiamo fare delle ‘mascherine’ (a cui siamo ricorsi in chiave anticovid) maschere per la nostra fede, per la nostra fraternità, per la nostra carità, per la missione.

Il mondo ha bisogno della luce del Vangelo e del volto luminoso e appassionato dei credenti in Cristo. Giubileo indica ‘gioia’, deve sempre indicare gioia! Giubileo è gioia cristiana, effetto dell’’amore effuso nei nostri cuori, dallo Spirito, dalla sua unzione sacramentale e carismatica, con la quale noi siamo ancora mandati nel mondo per essere testimoni e non spettatori delle meraviglie di Dio Padre”.

Quale ‘cultura della Pentecoste’ è necessaria oggi?

“Questo Anno speciale, unitamente alle numerose Iniziative promosse in ogni Regione con metodo sinodale, ha visto la narrazione delle tante anime che hanno contraddistinto la nascita e la crescita del Movimento. Con una lettura ampia, ecclesiale, della storia di questa corrente di grazia, si sono evidenziate le peculiarità ‘carismatiche’ proprie del Rinnovamento nel suo diffondersi, storicizzarsi e tipicizzarsi nella Chiesa e nel mondo.

Nel calendario di eventi che hanno scandito questi mesi, secondo uno stile ‘diffuso’ sul territorio (ben 36 le Scuole Regionali estive di formazione) a partire dai 60 Pellegrinaggi Nazionali delle Famiglie per la Famiglia nelle Diocesi, in occasione del X Incontro Mondiale delle Famiglie, e unitamente al rilancio di Scuole ed Eventi nazionali legati agli Animatori dei Ministeri, alle Famiglie, ai Giovani, ai Sacerdoti, ai Formatori dei formatori, alle Consacrate, agli Insegnanti e Catechisti, abbiamo organizzato tre Incontri di ‘Cultura di Pentecoste per una civiltà dell’amore’, a Lucca, Palermo e Milano.

More in Italia

Una ricchezza di stili e di espressioni significativa, che ha coinvolto decine di migliaia di persone con il fine di testimoniare la nostra preziosa eredità spirituale. Ricordiamo che l’espressione ‘cultura della Pentecoste’ fu di papa Montini, coeva alla celebre ‘civiltà dell’amore’, ripresa e affidata al RnS, nel 2002, da san Giovanni Paolo II. Con ‘cultura della Pentecoste’ intendiamo riaffermare il profilo spirituale della fede in re sociali, per rileggere il tempo in chiave spirituale, per ritrovare slancio nel primato della grazia.

La consegna che ci è stata affidata, in fondo, è proprio questa: rispondere carismaticamente, con fiducia nell’azione dirimente dello Spirito, alle grandi sfide culturali e sociali del nostro tempo, perché sia ancora il Vangelo di Gesù Cristo il più potente agente di trasformazione, di progresso, di civiltà, di benessere sociale per i popoli e per le genti. Crediamo che proprio a noi è chiesto di uscire fuori dal coro dei muti e di ‘riprendere la parola’, per dare corso a una nuova evangelizzazione che abbia a tema l’uomo, l’umano, l’umanesimo cristiano nel pieno post umanesimo e anticristiano transumanesimo nel quale siamo immersi.

Crediamo che occorra vincere l’omologazione del pensiero antropologico unico, che sta corrompendo la fede, che la sta rendendo insignificante nel cuore delle nuove generazioni, a partire dai nostri stessi figli, così che si possa tornare a ripensare la nostra identità cristiana dentro lo spazio crocifiggente delle tante, troppe povertà e infermità che la mancanza di vita nuova nello Spirito stanno finendo con il produrre.

In fondo, ci lamentiamo tanto dell’insignificanza dei partiti e dei corpi intermedi, in politica e nella società, ma pochi sottolineano che la vera tragedia è l’insignificanza della fede nel cuore degli uomini e delle donne, che poi stanno nei partiti e nei corpi intermedi, come in famiglia o in società”.

In quale modo lo Spirito Santo aiuta a leggere i segni dei tempi?

“In primis mettendoci in ascolto umile della gente, del popolo di Dio, rileggendo le vicende umane alla luce del Magistero, con maggiore libertà interiore e disposti a una nuova conversione. Siamo milioni, in Italia, le persone accomunate dalla medesima fede, non sempre però dallo stesso impegno nelle nostre comunità ecclesiali.

Dobbiamo riuscire a dare corpo a una presenza significativa, responsabile, che renda ragione della tradizione e della ricchezza inespressa del laicato cattolico organizzato, in discontinuità metodologica con il passato. Un Giubileo è sempre, al contempo, ‘conversione e restituzione’; pertanto, un’occasione straordinaria per ricevere e usare ‘misericordia’, per ricevere e fare ‘giustizia’.

Abbiamo bisogno di una nuova solidarietà universale, di una nuova fraternità umana, come ripetutamente richiesto dal Pontefice, da subito nell’esortazione apostolica ‘Evangelii Gaudium’ e più recentemente nelle encicliche ‘Laudato sì’ e ‘Fratelli tutti’. Ciascuno di noi può collaborare come strumento di Dio tramite i talenti e i carismi ricevuti dallo Spirito, per essere fedeli alle Sue ispirazioni e tornare alle sorgenti della nostra gioia, cioè al dono dell’effusione dello Spirito, al ‘battesimo nello Spirito Santo’, su cui papa Francesco richiama l’attenzione con grande forza, chiedendo al Rinnovamento di diffonderlo in ogni modo”.