San Francesco, il Cardinale Zuppi: "Aiutare gli altri ci fa trovare noi stessi"

Il Presidente della CEI ha celebrato la Messa ad Assisi in occasione della festa di San Francesco, Patrono d'Italia

Il Cardinale Zuppi, Presidente della CEI
Foto: RAI - TG1
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“La Parola di Dio parla sempre a noi e di noi. Parla oggi e ci aiuta a capire i segni dei tempi e questi ci aiutano a comprenderla, perché non è mai fuori del tempo o in un tempo passato, ma nell’oggi, nella storia. San Francesco è il nostro Patrono ed è una gioia particolare, in questo tempo così segnato da tanta sofferenza e preoccupazione, trovarci qui con tutte le Chiese che sono in Italia e con il Presidente del nostro Paese”. Lo ha detto il Cardinale Matteo Maria Zuppi, Arcivescovo di Bologna e Presidente della CEI, nell’omelia pronunciata ad Assisi in occasione della Festa di San Francesco, Patrono d’Italia.

“San Francesco è innamorato di Gesù: ascolta e mette semplicemente in pratica il Vangelo – ha aggiunto - San Francesco progetta un mondo fraterno, disarmato, dove c’è spazio per ognuno, a cominciare dai più poveri e fragili”.

Parlando del Covid, il Cardinale ha invitato a non dimenticare perché non “si vince il dolore rimuovendolo o divorandolo nella bulimia di emozioni che non diventano sentimenti, consapevolezza, scelte, umanità. Raccogliamo il testamento affidatoci da chi non c’è più per colpa del Covid”.

“In quella notte terribile – ha detto ancora il Presidente della CEI - abbiamo visto anche tante luci, tutte, consapevolmente o meno, riflesso di un amore più grande. Abbiamo capito che non si può lasciare nessuno solo e anche che il buio può essere sconfitto, pure solo con una piccola lampada di umanità. Sono state le luci che il personale sanitario ha acceso con i piccoli grandi gesti di umanità. Ricordo quanti di loro come delle forze dell’ordine, dei farmacisti, operatori di carità hanno perso la vita per motivo del servizio, continuando ad aiutare nell’emergenza. Essi sono tra i giusti che ascoltano quelle tenere parole di gratitudine di Dio: ero malato e sei venuto a visitarmi, prendi parte alla gioia che non finisce”.

Come San Francesco ricordiamo che “aiutare gli altri ci fa trovare noi stessi! E’ questo il giogo dolce e soave che ci unisce a chi per primo si è legato a noi, Gesù: un legame di amore che ci libera dal giogo pesante e insopportabile dell’individualismo. Se ne esce solo insieme! Le difficoltà non sono affatto finite. Lo vediamo drammaticamente nel mondo e nel nostro Paese. Affidiamo l’Italia all’intercessione del nostro Patrono. Sostenga, in un momento così decisivo, ispiri l’amore politico e di servizio alla casa comune, perché nella necessaria diversità tutti concorrano all’interesse nazionale, indispensabile per rafforzare le istituzioni senza le quali nessun piano può essere realizzato”.

Il nostro Patrono- ha concluso il Cardinale Zuppi - aiuti l’Europa a essere all’altezza della tradizione che l’ha creata e il mondo intero a non rassegnarsi di fronte alla guerra. Lui, amico di tutti, ci aiuti a sconfiggere ogni logica speculativa, forma di sciacallaggio che aumenta le ingiustizie e crea tanta povertà”.

Quest’anno l’olio che alimenta la lampada votiva che arde ininterrottamente presso la Tomba di San Francesco è stato offerto dalla Conferenza Episcopale Italiana, attraverso Caritas Italiana. Il dono – 1.000 litri totali – proviene dalle diocesi di Bari-Bitonto e di Nardò-Gallipoli. 

Ti potrebbe interessare