Sisma, il Papa celebra la Messa per le vittime

Papa Francesco
Foto: L'Osservatore Romano
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Una messa per le vittime del terremoto, e una messa per le claustrali di tutto il modo. Papa Francesco ha pregato insieme alle clarisse di Santa Maria di Vallegloria, una comunità che è stata duramente colpita da un sisma nel 1997 e che è stata costretta poi a vivere per quattordici anni in un container, come riporta l' Osservatore Romano.

Il Papa nell’omelia ha consegnato alle clarisse tre parole: il significato della vera ricchezza, la forza della testimonianza coerente di vita e la speranza. Un mandato spirituale che completa così anche la consegna della costituzione apostolica Vultum Dei quaerere, avvenuta al termine della messa.

Ad accompagnare le clarisse era il vescovo di Foligno, monsignor Gualtiero Sigismondi, che è anche presidente della commissione per il clero e la vita consacrata nell’ambito della Conferenza episcopale italiana.

A conclusione della mattinata, il Pontefice ha voluto condividere con loro il pranzo, in semplicità. Con un ospite di eccezione, visibilmente emozionato: Claudio Testasecca, l’autista del pullman, che ha accompagnato le religiose in tutto il loro percorso, partecipando anche all’offertorio della celebrazione eucaristica.

Intanto, dopo aver inviato una squadra di Vigili del Fuoco della Città de Vaticano nelle zone terremotate, il Pontefice ha disposto anche l'invio di un contingente del Corpo della Gendarmeria Vaticana.

Ti potrebbe interessare