Stazioni quaresimali, San Giovanni, il principio del digiuno nella Cattedrale di Roma

Il Papa e i parroci di Roma a San Giovanni in Laterano
Foto: Vatican Media/ Aci Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La prima domenica di Quaresima la liturgia stazionale si celebra a San Giovanni in Laterano, la cattedrale di Roma.

Nella sua guida delle chiese stazionali del 1588, Pompeo Ugonio descrive la chiesa prima del grande rifacimento barocco di Francesco Borromini per l’Anno Santo del 1650. La sua descrizione descrive quindi una chiesa molto diversa, ma sempre divisa in cinque navate:

“E’ questa chiesa di superba grandezza, divisa in cinque navi, un amplissima nel mezzo, e due da ciascun lato di lunghezza eguali, di larghezza & d’altrezza minori.”

L’antica basilica, costruita dall’imperatore Costantino nel IV secolo, aveva le navate divise da colonne, spiega Ugonio:

“La nave maggiore fu già sopra 30 colonne grosse fondata, le quali per causa d’incendio à quella chiesa avvenuto la maggior parte si abruciarono. Al presente delle sopradette 30 colonne non se veggono scoperte se non sette, & quelle male intere. Ma in loco di quelle che mancano, vi sono riposti grossi pilastri à foggia di colonne, fatti di opera di mattoni.”

Invece si conservavano ancora le colonnine che dividevano le due navatelle su ogni lato, ed erano ritenute molto belle per il colore verde del marmo: “tenute in molto prezzo, per essere di pietra verde Laconica allegra, & gratissima all’occhio.”

Tanto si apprezzavano queste colonne verdi che oggi si trovano ai lati delle statue degli Apostoli nella navata centrale.

Pochi anni prima che Ugonio pubblichi il suo libro, Papa Sisto V aveva preso la decisione rivoluzionaria di cominciare a celebrare la Messa nelle basiliche antiche di Roma dopo che per molto tempo i Papi avevano celebrato soltanto in Vaticano. Si trattava di riprendere le antiche stazioni quaresimali ma non solo. Ugonio racconta che Sisto V “per rendere in qualche parte l’antica vista della Maestà Pontificia al Laterano ha quivi ordinato la Cappella Papale due volte l’anno, cioè il giorno di Pasqua di Resurrezione, & nella Natività di S. Gio. Battista.”

Ma Sisto V fa di più: crea spazio intorno alla cattedrale demolendo tutto l’antico palazzo pontificio per creare la piazza davanti alla basilica, e costruendo l’edificio che attualmente custodisce la Scala Santa.

Ugonio spiega che è naturale celebrare la stazione della prima domenica di Quaresima proprio nella cattedrale, perché “anticamente la Quadragesima cominciava in questo giorno, & che però si dette principio dalla prima chiesa Patriarchale, e Cathedrale di Roma.”

“Percioché”, continua, “un’offitio si solenne quale è il principio del digiuno Quadragesimale, conviene l’incominci il Vescovo nella sua chiesa Cathedrale”.

 

Ti potrebbe interessare