Un " Manifesto per la Riforma" prima che in Germania nasca un nuovo scisma?

La iniziativa di Nuovo Inizio cerca di mettere in guardia il mondo cattolico dalle derive del Cammino Sinodale

logo
Foto: www.synodalerweg.de
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Prima o poi doveva accadere. Al “Cammino sinodale” della Chiesa cattolica in Germania, dove tutto sembrava prestabilito, qualcuno ha iniziato a muovere acqua e foglie e a coinvolgere anche il resto del mondo cattolico. 

Il rischio infatti è che su certi temi si crei un vera frattura, un vero scisma, nonostante le affermazioni delle guide “liberal” del Sinodo. 

Ecco che arriva una iniziativa che si chiama “Nuovo inizio” e che mette in guardia proprio dal rischio di una scisma di fatto. In una lettera ai vescovi in Germanio e in tutto il mondo, gli organizzatori parlano di “uno spirito di ribellione” all'opera di chi tradisce il Vangelo.

Il loro saggio “Sette domande alla Chiesa cattolica in Germania sulla libertà e l’autonomia” è pubblicato su un sito in diverse lingue, anche in italiano.

La preoccupazione è quella di una minoranza che non vuole più essere silenziosa rispetto ai “vips” che hanno a loro disposizione i grandi media. 

La preoccupazione è che il Cammino sinodale proclami un nuovo paradigma di autodeterminazione radicale e assoluta che potrebbe portare la Chiesa in Germania allo scisma.

L'iniziativa si descrive come un'associazione di teologi, filosofi e antropologi che chiedono una riforma radicale della Chiesa cattolica, ma che non considerano il Cammino sinodale tedesco una soluzione praticabile.

“Il fulcro non è più sul Signore, la sua parola e volontà, ‐ si legge nel testo- ma sull’uomo, la sua volontà, i suoi interessi, la sua identità, i suoi desideri, la sua libertà è determinare ciò che è importante nella Chiesa, ciò che ancora sembra plausibile davanti al tribunale della modernità... cosa può e non può essere insegnato e vissuto”.

L'iniziativa chiede ai vescovi della Chiesa cattolica di usare la loro influenza per prevenire lo scisma: “Il fatto che Papa Leone X una volta abbia liquidato le tesi di Martin Lutero come un irrilevante 'battibecco dei monaci' è stato forse l'errore più grave nella storia della Chiesa. Esattamente 500 anni dopo, la Chiesa cattolica romana sta nuovamente per sdrammatizzare un dibattito teologico in un paese non troppo lontano, ignorarlo e considerarlo un problema tedesco. Il prossimo scisma nella cristianità è dietro l'angolo. E verrà di nuovo dalla Germania".

A gennaio l'iniziativa New Beginning ha consegnato a Papa Francesco un “Manifesto per la Riforma”, firmato da 6mila cattolici. Nel testo si afferma che il Cammino sinodale “abusa dell'abuso”, cioè strumentalizza le discussioni necessarie e urgenti sulla scia dello scandalo degli abusi sessuali per cambiare la Chiesa secondo la sua agenda.

Oltre ai 67 vescovi in ​​Germania, circa 2.000 vescovi nel mondo, nonché 500 congregazioni, istituzioni e movimenti cattolici, hanno ricevuto un testo esplicativo intitolato "Questo non è il Vangelo" e un invito teologico a un dibattito scientifico : "Sette domande alla Chiesa cattolica in Germania su libertà e autonomia".

Il gruppo ha aggiunto a questi due documenti anche una raccolta di citazioni e affermazioni di teologi e vescovi nel processo del Cammino sinodale, e affermazioni tipiche del processo che, secondo loro, mostrano “che il suo ordine del giorno non è compatibile con il continuo insegnamento dell'universale Chiesa."

Ti potrebbe interessare