Advertisement

In Nigeria la prospettiva del martirio è una scuola di spiritualità

Seminaristi, frati e sacerdoti sono pronti a "morire per Gesù"

 | Fr. Peter Hassan
| Fr. Peter Hassan
 | David Igba
| David Igba

L'anno scorso, il 2023, è stato un anno difficile per fr. Peter Olarewaju, un postulante del monastero benedettino della diocesi nigeriana di Ilorin, che è stato rapito insieme ad altre due persone nel monastero. Fr. Olarewaju è stato sottoposto a diversi tipi di tortura. Ha assistito all'uccisione del suo compagno, Fr. Godwin Eze.

Dopo essere stato rilasciato, fr. Olarewaju ha detto che il suo rapimento è stato una benedizione perché ha rafforzato la sua fede. Ha anche detto che ora è pronto a morire per la sua fede.

"Sono pronto a morire come martire in questo Paese pericoloso. Sono pronto in qualsiasi momento a morire per Gesù. Lo sento molto forte", ha dichiarato Fr. Olarewaju in un'intervista ad ACI Africa il 26 novembre 2023, pochi giorni dopo essere stato liberato da presunti rapitori Fulani.

La testimonianza del monaco non è un caso isolato in Nigeria, dove i rapimenti che colpiscono i seminari e altri luoghi di formazione sono in aumento. Mentre alcune vittime dei rapimenti sono state uccise, coloro che sono sopravvissuti alla prova hanno raccontato di essere tornati più forti e pronti a morire per la loro fede.

Il seminarista Melchior Maharini, tanzaniano, rapito insieme a un sacerdote della comunità dei Missionari d'Africa (M.Afr./Padri Bianchi) nella diocesi cattolica nigeriana di Minna nell'agosto dello scorso anno, ha raccontato che le sofferenze patite durante le tre settimane in cui è stato tenuto prigioniero hanno rafforzato la sua fede. "Ho sentito la mia fede rafforzarsi. Ho accettato la mia situazione e ho consegnato tutto a Dio", ha dichiarato il seminarista ad ACI Africa il 1° settembre 2023.

Advertisement

Molti altri seminaristi in Nigeria sono stati rapiti dai militanti di Boko Haram, dai pastori Fulani e da altri gruppi di banditi che operano nella nazione più popolosa dell'Africa.

Nel settembre dello scorso anno, il seminarista Na'aman Danlami è stato bruciato vivo in un rapimento mal riuscito nella diocesi di Kafanchan. Pochi giorni prima era stato rapito il seminarista Ezekiel Nuhu dell'arcidiocesi di Abuja, che era andato a trascorrere le vacanze nel sud del Kaduna.

Nell'ottobre 2021, il Seminario Maggiore Cristo Re della diocesi di Kafanchan è stato attaccato e tre seminaristi sono stati rapiti dall'istituto. Nell'agosto dello scorso anno, il seminarista David Igba ha raccontato ad ACI Africa di aver guardato in faccia la morte quando l'auto su cui viaggiava per recarsi al mercato di Makurdi è stata crivellata di colpi dai pastori Fulani.

In uno degli attacchi che hanno attirato la condanna globale nel 2020, il seminarista Michael Nnadi è stato brutalmente ucciso dopo essere stato rapito insieme ad altre tre persone dal Seminario Maggiore del Buon Pastore nella diocesi cattolica di Kaduna. I responsabili del rapimento hanno confessato di aver ucciso il seminarista Nnadi perché non riusciva a smettere di predicare, chiamandoli senza paura alla conversione.

Dopo l'omicidio del seminarista Nnadi, i suoi compagni sopravvissuti al rapimento si sono recati al Seminario Maggiore di Sant'Agostino a Jos, nello Stato nigeriano del Plateau, dove hanno coraggiosamente continuato la loro formazione.

Mentre in Nigeria infuria la persecuzione cristiana, i formatori dei seminari del Paese hanno condiviso con ACI Africa una spiritualità emergente nei seminari nigeriani che molti potrebbero trovare difficile da comprendere: la spiritualità del martirio.

More in Storie

I formatori affermano che in Nigeria, a coloro che intraprendono la formazione sacerdotale viene continuamente fatto capire che la loro vocazione ora implica essere pronti a difendere la fede fino alla morte.  Più che mai, ai seminaristi viene ricordato che devono essere pronti ad affrontare la persecuzione, compresa la possibilità di essere rapiti e persino uccisi.

Padre Peter Hassan, rettore del Seminario Maggiore di Sant'Agostino, nell'arcidiocesi di Jos, nello Stato di Plateau, ha affermato che i seminari, proprio come la società nigeriana in generale, hanno fatto i conti con l'imminenza della morte per il fatto di essere cristiani.

Trova confortante vedere che sempre più giovani si iscrivono alla formazione sacerdotale sapendo di dover affrontare il pericolo di essere rapiti e persino uccisi.

"I cristiani nigeriani sono stati vittime di violenze di proporzioni apocalittiche per quasi mezzo secolo. Posso dire che abbiamo imparato ad accettare la realtà della morte imminente", ha detto p. Hassam in un'intervista del 12 gennaio ad ACI Africa.

E ha aggiunto: "Tuttavia, è piuttosto stimolante e confortante vedere i molti giovani uomini che sono ancora pronti ad abbracciare una vita che li trasformerà certamente in una specie in pericolo. Eppure questi stessi giovani sono disposti a predicare il vangelo della pace e ad abbracciare la cultura del dialogo per una coesistenza pacifica".

Poco dopo il rapimento e l'uccisione del seminarista Nnadi, il Seminario Maggiore Sant'Agostino di Jos ha aperto le porte ai tre seminaristi sopravvissuti al rapimento.

Padre Hassan ha dichiarato ad ACI Africa che la presenza dei tre ex studenti del Seminario Maggiore del Buon Pastore è stata "una benedizione" per la comunità del Seminario Maggiore di Sant'Agostino.

"La loro presenza nel nostro seminario è stata una forma di benedizione per i nostri seminaristi, un campanello d'allarme sulla triste realtà che nemmeno i giovanissimi sono risparmiati da questi assassini senza cervello", ha detto il membro del clero della diocesi di Jalingo.

Al Seminario Maggiore Buon Pastore, i seminaristi sono rimasti resistenti, iscrivendosi in gran numero anche dopo il rapimento del 2020 e l'omicidio del seminarista Nnadi.

In un'intervista con ACI Africa, p. Samuel Kanta Sakaba, rettore del Seminario Maggiore Good Shepherd, ha detto che i formatori dell'istituzione cattolica, che ha un'iscrizione attuale di 265 seminaristi, chiariscono che essere sacerdote in Nigeria comporta per gli srilankesi il pericolo di essere rapiti o uccisi.

ACI Africa ha chiesto a p. Sakaba se i formatori discutano o meno con i seminaristi dei rischi che corrono, compreso quello di essere rapiti o addirittura uccisi, e il sacerdote ha risposto: "Sì, come formatori abbiamo il dovere di portare i nostri seminaristi a fare esperienze pratiche sia accademiche che spirituali e fisiche. Condividiamo con loro questa realtà di persecuzione, ma per far sì che capiscano, colleghiamo la realtà della persecuzione cristiana in Nigeria alle esperienze di Gesù. In questo modo, riteniamo che sarebbe più facile per loro non solo avere la forza di affrontare ciò che stanno affrontando, ma anche vedere un significato nella loro sofferenza".

La sofferenza ha senso solo se è collegata al dolore di Gesù", ha detto il sacerdote cattolico nigeriano e ha aggiunto: "Il profeta Isaia ci ricorda che "dalle sue piaghe siamo guariti". Gesù ci insegna anche che se il chicco di grano non cade per terra e muore, rimarrà un singolo chicco, ma che è solo quando cade e muore che produce un ricco raccolto. Insegnamenti come questi sono quelli che rafforzano la nostra resistenza di fronte alle persecuzioni".

Advertisement

P. Sakaba condivide la gioia dei Seminaristi che, ha detto, non vedono l'ora di "tornare a Dio in modo santo".

"Qualunque cosa accada, torneremo tutti a Dio. Che gioia tornare a Dio in modo santo, in modo sacrificale. Questa santità è accettare questa croce, questo dolore", ha detto, e ha aggiunto: "Gesù ha accettato il dolore del Calvario, e questo lo ha portato alla sua risurrezione. La persecuzione purifica l'individuo affinché diventi il prodotto finito per Dio. Credo che questi attacchi siano un progetto di Dio e nessun essere umano può fermare l'opera di Dio".

Il rettore del Seminario Maggiore del Buon Pastore, tuttavia, ha chiarito che coloro che si iscrivono al Seminario Maggiore non vanno in cerca di pericoli.

Ha detto: "Le persone qui non vanno a mettersi in situazioni di rischio. Ma quando si verificano situazioni del genere, gli insegnamenti di Gesù e la sua persecuzione ci danno il coraggio di affrontare qualsiasi cosa ci capiti a tiro".

P. Sakaba ha detto che sebbene la formazione sacerdotale in Nigeria stia abbracciando la "spiritualità del martirio", la persecuzione nel Paese dell'Africa occidentale presenta "una realtà difficile".

"È difficile abituarsi al dolore. È difficile abituarsi ai temi della morte. È difficile abituarsi alla morte", ha detto, e ha aggiunto: "Nessuno sceglie di andare incontro al pericolo solo perché altre persone stanno soffrendo. Non fa parte della nostra natura. Ma in una situazione in cui sembra che non si abbia un'alternativa, la grazia di Dio interviene per rafforzarci ad affrontare la situazione particolare".

P. Sakaba ha detto che dall'attacco del 2020 al Seminario Maggiore del Buon Pastore, l'istituzione vive un'aria di incertezza.

Ha detto che alcuni dei rapitori arrestati durante l'incidente sono stati rilasciati, una situazione che ha fatto sprofondare il Seminario Maggiore nella "paura dell'ignoto".

"Non è stato facile per noi dopo il rilascio. La comunità è stata gettata nella confusione a causa dell'ignoto. Non sappiamo cosa succederà dopo. Non sappiamo quando verranno o cosa ci faranno. Non sappiamo chi sarà il prossimo ad essere preso", ha detto p. Sakaba.

Ed ha aggiunto: "Non è stato facile, soprattutto nei pochi giorni successivi all'incidente. La resilienza della comunità del Seminario, compresi i seminaristi, i formatori e i membri del personale, è stata grande. Dio ci ha sostenuto, incoraggiato e guidato. La Sua grazia ci ha aiutato a continuare a praticare la nostra fede".

Il sacerdote nigeriano ha detto che gli attacchi jihadisti, che continuano senza sosta nelle comunità che circondano il Seminario Maggiore, non rendono la situazione più facile.

"Ogni attacco che avviene al di fuori della nostra comunità ci ricorda la nostra esperienza del 2020. Siamo scioccati e, anche se rimaniamo profondamente feriti, crediamo che Dio ci stia guidando", ha detto ad ACI Africa.