Ascolto, approfondimento, confronto. Le regole del Papa per la buona comunicazione

Papa Francesco
Foto: Vatican Media - ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Per diventare amici di San Giuseppe "occorre ricalcarne le orme, che rivelano un riflesso dello stile di Dio. Giuseppe è l’uomo del silenzio. A prima vista, potrebbe perfino sembrare l’antitesi del comunicatore. In realtà, solo spegnendo il rumore del mondo e le nostre stesse chiacchiere è possibile l’ascolto, che rimane la condizione prima di ogni comunicazione". Lo ha detto il Papa ricevendo in udienza il personale del quotidiano "Avvenire" nella giornata dedicata a San Giuseppe Lavoratore.

Il Papa ha voluto poi osservare che "al lavoro è strettamente legata la dignità della persona: non al denaro, né alla visibilità o al potere, ma al lavoro. Un lavoro che dia modo a ciascuno, qualunque sia il suo ruolo, di generare quella imprenditorialità intesa come actus personae, dove la persona e la sua famiglia restano più importanti dell’efficienza fine a sé stessa".

Nel suo discorso il Papa ha ricordato inoltre i mutamenti che sta vivendo il settore delle comunicazioni e pertanto è necessario esser consapevoli "che l’attaccamento al passato potrebbe rivelarsi una tentazione perniciosa. Autentici servitori della tradizione sono coloro che, nel farne memoria, sanno discernere i segni dei tempi e aprire nuovi tratti di cammino".

Nel mondo della comunicazione "la Chiesa sente di non poter far mancare la propria voce, per essere fedele alla missione che la chiama ad annunciare a tutti il Vangelo della misericordia. I media ci offrono potenzialità enormi per contribuire, con il nostro servizio pastorale, alla cultura dell’incontro".

Francesco ha messo in guardia dalla "cultura della fretta e della superficialità: più che l’esperienza, conta ciò che è immediato, a portata di mano e può essere subito consumato; più che il confronto e l’approfondimento, si rischia di esporsi alla pastorale dell’applauso, a un livellamento del pensiero, a un disorientamento diffuso di opinioni che non si incontrano". San Giuseppe invece "ci richiama all’urgenza di ritrovare un senso di sana lentezza, di calma e pazienza. Con il suo silenzio ci ricorda che tutto ha inizio dall’ascolto. Per noi il silenzio implica due cose. Da una parte, non smarrire le radici culturali, non lasciare che si deteriorino. Dall’altra parte, una Chiesa che vive della contemplazione del volto di Cristo non fatica a riconoscerlo nel volto dell’uomo. E da questo volto sa lasciarsi interpellare, superando miopie, deformazioni e discriminazioni".

Agli operatori dell'informazione Papa Francesco chiede ascolto, approfondimento e confronto. "State lontani dai vicoli ciechi in cui si dibatte chi presume di aver già capito tutto. Contribuite a superare le contrapposizioni sterili e dannose. Con la testimonianza del vostro lavoro fatevi compagni di strada di chiunque si spende per la giustizia e la pace".

Citando Paolo VI, Papa Francesco ha voluto ribadire che "il comunicatore cattolico rifugge le rigidità che soffocano o imprigionano. Non mette in gabbia lo Spirito Santo, ma cerca di lasciarlo volare, di lasciarlo respirare nell’animo. Fa sì che mai la realtà ceda il posto all’apparenza, la bellezza alla volgarità, l’amicizia sociale alla conflittualità. Coltiva e rafforza ogni germoglio di vita e di bene. Le difficoltà non vi blocchino".

Siate - ha concluso - "una Chiesa che non guarda la realtà né da fuori né da sopra, ma si cala dentro, si mescola, la abita e suscita e dilata la speranza di tutti". Non cedete alla "informazione di facile consumo, che non impegna. C’è bisogno di dar voce ai valori incarnati nella memoria collettiva e alle riserve culturali e spirituali del popolo".

Ti potrebbe interessare