Bianco: "Il problema migratorio non si risolve con il filo spinato''

Il Sindaco di Catania, Enzo Bianco
Foto: Comune di Catania
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Nei giorni scorsi in Vaticano, riuniti dalla Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, una settantina di sindaci di tutto il mondo hanno discusso di cambiamenti climatici e tratta degli esseri umani. Di questo fenomeno e dell’ondata migratoria che si sta riversando in Italia il Sindaco di Catania, Enzo Bianco, ha parlato con Aci Stampa.

Sindaco Bianco, cosa l’ha spinta ad accettare questo invito?

L’alta autorità morale di questo Papa, che è persino più grande della sfera religiosa che rappresenta. Ed è la ragione per cui sindaci da tutto il mondo di varie provenienze e fedi religiose, di diverso colore politico, di diversa grandezza delle città rappresentate hanno raccolto questo invito. Insieme a tutto ciò, il fatto che di due temi affrontati, il traffico di esseri umani, i migranti, le violenze contro gli esseri umani e contro l’ambiente sono due delle più grandi sfide che abbiamo di fronte e per affrontarle e vincere c’è bisogno di fare squadra. Ciascuna città da sola può fare le cose più belle ma non vince, si vince se insieme assumiamo iniziative concrete e condivise per raggiungere obiettivi determinati.

Sindaco, la sua città – Catania – è in prima linea sul fronte dell’accoglienza…

Noi ospitiamo ormai da parecchi anni purtroppo con un approccio da emergenza rispetto a un fenomeno che non lo è perché è una realtà con cui faremo i conti anche negli anni che verranno. Devo dire che nel complesso la stragrande maggioranza dei siciliani ha reagito bene, senza atteggiamenti né scomposti né xenofobi. La mia città ospita ogni settimana centinaia di persone che arrivano nel porto di Catania: lo facciamo insieme, volontariato ed istituzioni pubbliche, ai bambini offriamo un sorriso e un regalo, ai morti abbiamo offerto una sepoltura dignitosa . Rivolgo un appello forte però all’Unione Europea perché si svegli dal torpore con cui ha affrontato questo dramma e riscopra la sua tradizione e la sua dignità e adotti delle politiche per affrontare un fenomeno che va affrontato in tanti modi: nei Paesi di provenienza con azioni concrete che aiutino lo sviluppo di queste realtà, con corridoi umanitari per chi ha diritto ad avere asilo e con una distribuzione su tutto il territorio dell’Unione Europea, perché lo sforzo dell’accoglienza non può essere lasciato solo ai siciliani e agli italiani.

Il Papa in America Latina ci ha detto: “Nessuno può obbligarci a non accogliere”.

Io ho parlato dell’atteggiamento incomprensibile ed inaccettabile di coloro i quali pensano che siamo ancora dentro un castello medievale e che ci si può difendere dal fenomeno dell’immigrazione alzando il ponte levatoio ho detto molto più modestamente lo stesso concetto… ci troviamo in un mondo globale in cui la gente insegue un sogno e una speranza. Io ho parlato con centinaia di queste persone , mi sono fatto raccontare dai siriani, dagli eritrei, dai maliani che cosa li spinge a venire qui. Li vorrei far sentire questi racconti a chi parla di paura e xenofobia e pensa di risolvere il problema con il filo spinato. Vengano a sentire le esperienze umane di queste persone!

Ti potrebbe interessare