Cammino Sinodale di Germania, una manifesto alternativo per Papa Francesco

Un gruppo di cattolici tedeschi ha presentato al Papa il manifesto “Nuovo inizio”, che critica fortemente il cammino sinodale intrapreso dalla Chiesa di Germania. È sostenuto da quasi 6 mila firme

Papa Francesco riceve un "Nuovo inizio", il manifesto per un Cammino Sinodale alternativo
Foto: Neuer Anfang
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Al termine dell’udienza generale del 5 gennaio, Papa Francesco ha ricevuto il documento “Nuovo inizio: un manifesto per la riforma”. Redatto da un gruppo di cattolici tedeschi e sostenuto con quasi 6 mila firme, il documento mette in discussione il “Cammino Sinodale della Chiesa di Germania”, e offre un piano alternativo al Cammino in nove punti.

Secondo i firmatari – ha riportato CNA Deutsch, partner di notizie in lingua tedesca di ACI Stampa – il Cammino Sinodale non riuscirà a produrre una vera riforma. Il Cammino Sinodale è un processo pluriennale lanciato dalla Conferenza Episcopale tedesca, che riunisce vescovi e laici per discutere il modo in cui il potere viene esercitato nella Chiesa, il sacerdozio e il ruolo delle donne.

Il manifesto “Nuovo Inizio” è stato pubblicato in 5 lingue, e ha raccolto il sostegno di 5.832 firmatari dalla Germania e da altri Paesi europei. Il manifesto sottolinea che “nella sua fissazione sulla struttura esterna, il Cammino sinodale manca il cuore della crisi; viola la pace nelle congregazioni, abbandona il cammino dell'unità con la Chiesa universale, danneggia la Chiesa nella sostanza della sua fede e apre la strada allo scisma”.

Il testo è stato pubblicato sul sito dell'Arbeitskreis Christliche Anthropologie (Gruppo di lavoro sull'antropologia cristiana), che lo scorso novembre ha tenuto una giornata di studio durante la quale il cardinale tedesco Walter Kasper ha accusato gli organizzatori del Cammino sinodale di minimizzare la necessità di evangelizzare.

Nel giugno 2019, Papa Francesco ha inviato una lettera di 19 pagine ai cattolici tedeschi esortandoli a concentrarsi sull'evangelizzazione di fronte a una "crescente erosione e deterioramento della fede".

Il manifesto afferma che la lettera del Papa è stata "semplicemente ignorata" dagli organizzatori del Cammino sinodale. Oltre all’incontro con il Papa, gli organizzatori del manifesto sono a Roma in un pellegrinaggio che ha prevede messe celebrate dal cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione dell'unità dei cristiani, e dall'arcivescovo Georg Gänswein, segretario personale del papa emerito Benedetto XVI.

Il manifesto “Nuovo inizio” riconosce la necessità di una “riforma fondamentale” della Chiesa in Germania, che sta affrontando un esodo di cattolici a seguito di una crisi scatenata dalle notizie di abusi da parte del clero.

Più di 220.000 persone hanno lasciato formalmente la Chiesa nel 2020. Solo il 5,9% dei cattolici tedeschi ha partecipato alla messa quell'anno, rispetto al 9,1% nel 2019.

Il manifesto mette in dubbio la legittimità del Cammino sinodale, sottolineando che non si qualifica come sinodo nel diritto della Chiesa.

“Respingiamo la sua pretesa di parlare a nome di tutti i cattolici in Germania e di prendere decisioni vincolanti per loro – si legge nel manifesto - “i laici coinvolti nel Cammino sinodale sono rappresentanti di associazioni, società e comitati con l'aggiunta di terzi arbitrariamente consultati”.

Prosegue il manifesto: “Le proposte e le rivendicazioni di questo movimento, che non è legittimato né dalla vocazione né dalla rappresentanza, testimoniano una sfiducia fondamentale nei confronti della Chiesa sacramentale, costituita, com'è, da autorità apostolica; le loro proposte, una volta attuate, alla fine effettueranno una ridistribuzione ‘laica’ del potere e della secolarizzazione all'interno della Chiesa orientata ai comitati, verso l'esterno e permanente".

Il testo sostiene che, nonostante la sua retorica del cambiamento radicale, il Cammino sinodale sta cercando di mantenere lo "status quo" nella Chiesa tedesca, che riceve miliardi di dollari l'anno attraverso una tassa ecclesiastica ed è il secondo più grande datore di lavoro del paese dopo lo Stato.

"Mentre il Cammino sinodale si occupa di autentiche preoccupazioni per la Chiesa, la sua strategia rimane strutturalmente conservatrice ed evidentemente disinteressata ai processi di pentimento e rinnovamento spirituale", si legge ancora nel testo.

E ancora: “Riguardo alla forma sociale di base della chiesa, i rappresentanti del Cammino sinodale si impegnano a preservare lo status quo: desiderano mantenere e conservare il modello di una chiesa altamente istituzionalizzata che sta 'servendo la sua clientela' attraverso l'adattamento e modernizzazione."

Il testo afferma inoltre che il Cammino sinodale ha “strumentalizzato” la crisi degli abusi, ignorato l'insegnamento della Chiesa sull'impossibilità di ordinare le donne al sacerdozio e minimizzato l'importanza del matrimonio.

La Conferenza Episcopale Tedesca ha inizialmente annunciato che il Cammino sinodale si sarebbe concluso con una serie di voti "vincolanti", suscitando in Vaticano il timore che le risoluzioni potessero mettere in discussione l'insegnamento e la disciplina della Chiesa.

Vescovi e teologi hanno espresso allarme per il processo, ma il presidente della Conferenza Episcopale Tedesca, il vescovo Georg Bätzing, lo ha difeso con vigore.

L'ultima riunione del Cammino sinodale si è svolta a Francoforte, nel sud-ovest della Germania, dal 30 settembre all'ottobre 2, 2021. Si trattava del secondo incontro dell'Assemblea sinodale, il supremo organo decisionale del Cammino sinodale. L'assemblea è composta dai vescovi tedeschi, 69 membri del potente Comitato centrale laico dei cattolici tedeschi (ZdK) e da rappresentanti di altre parti della Chiesa tedesca.

L'incontro si è concluso bruscamente dopo i voti a favore di un testo che approva le benedizioni per le coppie dello stesso sesso e una discussione sulla necessità del sacerdozio.

A ottobre, il Papa ha aperto la prima fase di un processo consultivo globale di due anni che porterà all'assemblea del Sinodo dei vescovi sulla sinodalità.

Al momento non è chiaro quale impatto avrà il processo sinodale globale sul Cammino sinodale tedesco. Il vescovo Bätzing ha dichiarato nel maggio 2020 che l'iniziativa globale sarebbe stata "integrata" dal processo in Germania.

Ti potrebbe interessare