Cantalamessa: il mondo ha perso il senso del peccato

Padre Cantalamessa predica nella Redmptoris Mater
Foto: Osservatore Romano
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Una riflessione sull’ecumenisco quella che Padre Cantalamessa ha proposto come conclusiva della serie dedicata al Concilio per la Quaresima in Curia.

Come riporta la Radio Vaticana il frate ha ricordato che a 500 anni dalla Riforma protestante occorre “non sciupare questa occasione rimanendo prigionieri del passato”:

“Ci sono cristiani che bisogna convincere, in entrambi gli schieramenti, che la guerra è finita, le guerre di religione tra cattolici e protestanti sono finite. Abbiamo ben altro da fare che farci guerra l’un l’altro! Il mondo ha dimenticato, o non ha mai conosciuto, il suo Salvatore, colui che è la luce del mondo, il Dio con noi, la via, la verità e la vita, e noi perdiamo tempo a polemizzare tra di noi?”.

Cantalamessa ha parlato della perdita del senso del peccato ricordando i punti comuni tra Chiesa cattolica e Riforma:  “Non si è giustificati per le buone opere” ma per la grazia di Cristo tuttavia “non ci si salva senza le buone opere”. Ma oggi in questo “mondo largamente post-cristiano” che “ha smarrito del tutto” il “vero senso del peccato”, è necessario fare “un salto di qualità”:

“La giustificazione mediante la fede in Cristo dovrebbe essere predicata da tutta la Chiesa oggi e con maggior vigore che mai. Non più, però in opposizione alle ‘buone opere’ che è un problema risolto e superato, ma in opposizione, semmai, alla pretesa del mondo secolarizzato moderno di potersi salvare da solo, con la propria scienza, la tecnica o con spiritualità di propria invenzione. Sono convinto che se fossero vivi oggigiorno questo sarebbe il modo con cui Lutero, Calvino e gli altri riformatori predicherebbero la giustificazione gratuita mediante la fede!”.

Cantalamesse ha anche aggiunto che “non possiamo ‘bruciare le tappe’ circa la dottrina, perché le differenze ci sono e vanno risolte con pazienza nelle sedi appropriate. Possiamo invece bruciare le tappe nella carità, ed essere pienamente uniti, fin d’ora”.

Infine una riflessione sulla conversione:“Se ci convertiremo a Cristo e andremo insieme verso di lui, noi cristiani ci avvicineremo anche tra di noi, fino a essere, come lui ha chiesto, ‘una cosa sola con lui e con il Padre’ (cf. Gv 17, 21). Succede come per i raggi di una ruota. Seguiamo il movimento dei raggi dal centro verso la circonferenza: man mano che si allontanano dal centro, si allontanano anche tra di loro. Se seguiamo il movimento dei raggi dalla circonferenza verso il centro, ci accorgiamo che mano a mano che si avvicinano al centro, si avvicinano anche tra di loro, fino a formare un punto solo: e così succede con Cristo”. 

Ti potrebbe interessare