Caritas Internationalis dipenderà dal Dicastero per lo Sviluppo Umano Integrale

Il Cardinale Luis A. Tagle, Presidente di Caritas Internationalis
Foto: Daniel Ibanez CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Attraverso un decreto ad hoc il Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato, dopo l’approvazione del Papa ha disposto che il Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale (DSSUI) è il Dicastero competente nei confronti di Caritas Internationalis per l’intero ambito della sua attività istituzionale, fatte salve le competenze degli altri Enti della Curia Romana e dello Stato della Città del Vaticano.

Il DSSUI può - inoltre - partecipare tramite propri rappresentanti con diritto di parola alle riunioni degli organi di Caritas Internationalis, come pure alle riunioni regionali dei suoi membri e nomina l’Assistente Ecclesiastico. Il Dicastero convocherà regolarmente una riunione, alla quale partecipano il Segretario Generale e l’Assistente Ecclesiastico di Caritas Internationalis, nonché un Rappresentante della Segreteria di Stato.

La Sezione per gli Affari Generali della Segreteria di Stato è competente per sottoporre all’approvazione del Romano Pontefice gli Statuti, il Regolamento interno e il Regolamento del personale del Segretariato Generale di Caritas Internationalis, previo parere del DSSUI; vigila sulla loro applicazione e dispone ispezioni e controlli anche sull’amministrazione patrimoniale e finanziaria di Caritas Internationalis.

La Sezione per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato compete invece per l’approvazione, previo parere del DSSUI, di accordi di finanziamento da parte dei Governi e delle Organizzazioni ed Enti Intergovernativi e di accordi di cooperazione e di ogni altro accordo con i Governi e con le Organizzazioni ed Enti intergovernativi.

Caritas Internationalis può, in caso di grave emergenza umanitaria, stipulare accordi operativi di breve durata con le Autorità governative e con le Organizzazioni ed Enti intergovernativi. Tali accordi dovranno essere comunicati, non appena possibile, alla Sezione per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato e potranno essere rinnovati, a meno che la Sezione per i Rapporti con gli Stati non manifesti il proprio parere contrario. Caritas Internationalis dovrà presentare alla Sezione per i Rapporti con gli Stati, ogni quadrimestre un report sui rapporti intrattenuti con i Governi e con le Missioni Diplomatiche accreditate presso la Santa Sede e ad informarne contestualmente il DSSUI.

All’inizio del mandato il Presidente di Caritas Internationalis, salvo che si tratti di un Cardinale o di un Ordinario diocesano se Vescovo, il Segretario Generale e il Tesoriere, pronunceranno davanti al Prefetto del DSSUI le Promesse di rito. I dirigenti faranno lo stesso dinanzi al presidente, gli impiegati dinanzi al Segretario Generale.

Gli Statuti, il Regolamento interno e il Regolamento del personale del Segretariato Generale di Caritas Internationalis devono essere conformi con le disposizioni del Decreto.

Ti potrebbe interessare