Da Papa Francesco il Primo Ministro slovacco, l’Ucraina al centro dei colloqui

Il comunicato della Sala Stampa della Santa Sede si concentra, in particolare, sul tema della guerra in Ucraina. Ricordato anche il viaggio del Papa in Slovacchia lo scorso settembre

Papa Francesco con il Primo Ministro slovacco Eduard Heger, Palazzo Apostolico Vaticano, 14 marzo 2022
Foto: Vatican Media / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Ogni giorno, ci sono 12 mila profughi che dall’Ucraina varcano la frontiera verso la Slovacchia, per un totale di 200 mila dall’inizio della guerra. E ogni giorno, centinaia di volontari slovacchi vanno a dare una mano al confine, per accoglierli. Gente comune, ma anche il vescovo ausiliare di Bratislava Jozef Hal’ko o il vescovo greco-cattolico di Kosice Cyril Vasil’. Si è parlato anche di questo nell’incontro del Primo Ministro slovacco Eduard Heger con Papa Francesco prima e con la Segreteria di Stato poi.

Il comunicato della Sala Stampa della Santa Sede si riferisce solo ai colloqui con il Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato vaticano, e con l’arcivescovo Paul Richard Gallagher, segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati. Nel comunicato si legge, in particolare, che “dopo aver ricordato il Viaggio Apostolico in Slovacchia del settembre scorso, è stata espressa soddisfazione per le buone relazioni bilaterali e per il ruolo della Chiesa nella società”, e che poi “nel prosieguo dei colloqui, ci si è soffermati approfonditamente sulla Guerra in Ucraina e sul suo impatto a livello regionale e internazionale, con particolare attenzione alla situazione umanitaria e all’accoglienza dei profughi di guerra”.

Di certo, il tema ha toccato anche l’incontro con il Papa. Si è trattato di un colloquio privato di trenta minuti. Papa Francesco, come di consueto, ha donato la Dichiarazione di Abu Dhabi, il messaggio per la Giornata Mondiale della Pace del 2022, altri documenti del Magistero e un bassorilievo della Madonna della Scala.

Da parte sua, il Primo Ministro Heger ha donato una campana raffigurante i Santi Cirillo e Metodio realizzata da un artista slovacco contemporaneo per il Papa.

La campana porta la scritta: "Dal cuore dell'Europa, della Repubblica Slovacca. Coraggiosi portatori del Messaggio".

Parlando con i giornalisti dopo la visita in Vaticano, Heger ha detto che lui e il Papa hanno convenuto che “l'umanità deve intraprendere la strada della pace, della solidarietà reciproca, del rispetto e dell'aiuto disinteressato”. 

Il Primo Ministro ha detto di apprezzare l’attiva comunicazione del Papa a difesa della pace in Ucraina e di aver ringraziato il Santo Padre per il supporto attivo della Chiesa alla frontiera nell’accogliere i profughi.

Nell’incontro in Segreteria di Stato, invece, Heger, Parolin e Gallagher hanno elogiato l’ottimo livello di relazioni bilaterali e – continua il Primo ministro slovacco – si sono trovati d’accordo sulla necessità di “prestare particolare attenzione all'attuale crisi di sicurezza globale causata dall'aggressione russa contro l'Ucraina. Siamo entrambi d'accordo sul fatto che qualsiasi violenza debba finire il prima possibile. Abbiamo condannato l'attacco militare e l'intervento violento nell'integrità dell'Ucraina e abbiamo espresso il nostro sostegno al popolo ucraino in questi tempi difficili".

Ti potrebbe interessare