Giovanni Paolo II, avviato il processo di beatificazione dei suoi genitori

Il Cardinale Dziwisz, a lungo segretario del Papa polacco, sottolinea: “Karol ed Emilia Wojtyla diventano una testimonianza dei valori eterni”

L'avvio ufficiale del processo di beatificazione dei genitori di San Giovanni Paolo II, Katowice, 7 maggio 2020
Foto: Arcidiocesi di Cracovia
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Karol ed Emilia Wojtyla sono “una testimonianza di valori eterni, tra cui quello della famiglia, il primo di tutti”. Lo dice il Cardinale Stanislaw Dziwisz, arcivescovo emerito di Cracovia e per una vita segretario particolare di Giovanni Paolo II. È lui ad aprire, con un suo discorso testimonianza, la causa di beatificazione dei genitori di San Giovanni Paolo II a Wadowice.

È una causa di beatificazione che ha un testimone di eccezione: San Giovanni Paolo II. Ad essere proposti per la gloria degli altari sono infatti Karol ed Emilia Wojtyla, i genitori del Papa Santo. Vissero una vita esemplarmente cristiana, e ora il postulatore della causa, monsignor Slawomir Oder – che ha già curato la causa di San Giovanni Paolo II – sarà chiamato a leggere tutti i documenti che li riguardano, ascoltare i due o tre testimoni che li hanno conosciuti e che sono ancora vivi e anche compulsare i testi di Giovanni Paolo II in cui questi parlava della sua famiglia.

Nella sua testimonianza, il Cardinale Dziwisz si dice convinto che i genitori di San Giovanni Paolo II “diventeranno un esempio per le famiglie moderne, specialmente oggi che le nostre famigli, nel contesto delle ideologie che contestano la necessità e il senso dell’esistenza del matrimonio e della famiglia, hanno bisogno di momenti autentici di vita coniugale e familiare”.

Il Cardinale Dziwsiz afferma di aver sentito “molte da volte da Papa Giovanni Paolo II che lui aveva dei genitori santi”. L’apertura della causa di beatificazione dei genitori del Papa, nota, arriva a 11 giorni dalla festa del centenario della nascita del Papa polacco, che il Cardinale Dziwisz chiama “San Giovanni Paolo II il grande”.

Il cardinale sottolinea che le domande per aprire la causa di beatificazione dei genitori di Wojtyla sono venute da molte parti, e che è stato lui stesso a proporre la causa.

Racconta il Cardinale Dziwisz che Giovanni Paolo II “ricordava principalmente suo padre, Karol , con il quale aveva non solo una relazione filiale, ma una vera amicizia spirituale. Ricordava di aver trovato un padre inginocchiato di notte in una seconda stanza, affondato in preghiera. Con grande emozione ha parlato di pellegrinaggi congiunti al santuario della Madre di Dio in Kalwaria Zebrzydowska. Fu grazie a suo padre che ricevette lo scapolare nella vicina chiesa dei Carmelitani Scalzi sulla ‘collina’ e pregò San Giuseppe”. 

Giovanni Paolo II aveva “un rapporto molto stretto con il padre, segnato da una grande fiducia” rafforzato quando vivevano insieme a Debniki, a Cracovia.

Il Papa invece – continua il Cardinale – “ricordava poco sua madre. Morì quando aveva 9 anni, poco prima della Prima Santa Comunione. Ha espresso affetto per lei e amore filiale nella sua poesia Sulla tua tomba bianca. Questa è la quintessenza della sua relazione emotiva con sua madre. Nonostante si ricordasse molto poco di sua madre, mostrò affetto per lei in modi diversi e in diverse occasioni”.

L’ex segretario di Giovanni Paolo II aggiunge che il Papa polacco “era un uomo di profonda vita interiore”, che serbava le cose più preziose nel suo cuore, e che quindi non manifestava il suo rapporto con i genitori, sebbene avesse sempre avuto con sé “piccoli ritratti di suo padre e sua madre”.

E, aggiunge,  “fu lo stesso in Vaticano, dove mise sulla sua scrivania piccoli ritratti dei suoi genitori. È stato così fino alla fine”. 

Per il Cardinale Dziwisz la causa di beatificazione e canonizzazione dei genitori del Papa è “una continuazione” del processo di canonizzazione di San Giovanni Paolo II, e per questo è significativo che monsignor Oder ne abbia preso la postulazione.

La causa è stata inaugurata oggi, a Wadowice, dove Karol Wojtyla è nato e ha vissuto la sua infanzia. Cittadina fondata nel XIII secolo lungo il fiume Skawa, Wadowice aveva una vita culturale e sociale molto intensa, una folta comunità ebraica integrata nella vita cittadina, e una caserma dove era alloggiato il XII reggimento di fanteria, e dove il padre di Wojtyla era stato destinato.

Primo giudice della causa di beatificazione e canonizzazione è l’arcivescovo Marek Jedraszewski, di Cracovia, e sarà rappresentato come delegato da padre Andzej Scaber, impiegato per la canonizzazione dell’arcidiocesi di Cracovia. Il promotore di Giustizia sarà padre Tomasz Skopa, cancelliere della Curia metropolitana di Cracovia, e sono stati scelti come notai padre Grzegorz Kotala e padre Pawel Ochocki.

Chi sono i genitori di Giovanni Paolo II?

Emilia Kaczorowska (1884-1929) proveniva da una modesta famiglia di artigiani. Karol Wojtyła (1879-1941) era un soldato professionista. Si sposarono nel 1906 e ebbero tre figli. Il figlio maggiore di Edmund divenne medico e morì all'età di 26 anni, dopo essere stato infettato dalla scarlattina in un ospedale di Bielsko, dove questi operava per affrontare l’epidemia. La seconda figlia, Olga, morì poco dopo la nascita. Il figlio minore, Karol, divenne papa e santo della Chiesa cattolica.

La madre del papa morì quando Karol aveva solo 9 anni. Il padre morì durante l'occupazione tedesca di Cracovia nel 1941. 

Nell’omelia della Messa che ha fatto seguito all'apertura della causa, l’arcivescovo di Cracovia approfondito i loro tratti. Ha poi raccontato che “la madre, Emilia nata Kaczorowska, era una donna elegante che veniva da Cracovia a Wadowice. Era pia, modesta, soggetta alla volontà di Dio. Ha dato alla luce tre bambini: Edmund, Olga e Karol. L'ultima gravidanza non è stata facile e ha minacciato la sua vita, ecco perché è stata esortata ad abortire. Emilia ha combattuto per suo figlio e grazie al sostegno del dottore Samuel Tauba è nato un ragazzo forte e sano”.

Ha continuato l’arcivescovo che “Giovanni Paolo II ha detto che sua madre sognava di avere due figli, uno dei quali sarebbe stato un medico e l'altro un prete”, e che “probabilmente era molto orgogliosa di suo figlio Edmund, che iniziò gli studi di medicina all'università Jagellonica”, e che divenne medico l’anno dopo la sua morte.

L’arcivescovo Jedraszewski ha poi ricordato che “guardando suo figlio Karol, Emilia poteva essere calma sul fatto che suo padre lo amasse e si prendesse cura di lui, ed Edmund gli mostrò un'amicizia fraterna. Il futuro papa non ricordava molto bene sua madre, ma sentiva la sua mancanza e il suo desiderio. Come un ragazzo di 19 anni, scrisse una poesia per lei, dedicandosi a ‘Emilia, mia madre’.”

Il padre di Giovanni Paolo II, invece, “godeva della reputazione di essere un uomo meraviglioso, laborioso, onorevole, gentile e obbligatorio. La sua vita è stata svolta in tre punti di riferimento principali: casa, esercito, chiesa. Amava il paesaggio polacco e la storia della sua terra natale, che raccontava magnificamente. Ha trasmesso ai figli la sua passione per la storia della Polonia e la consapevolezza della responsabilità della sua patria. Karol Wojtyła senior amava la Madre di Dio del Calvario, alla quale guidò Edmund e Karol dopo la morte di sua moglie”. 

Anche lui, ha sottolineato Jedraszewski, era probabilmente orgoglioso di Edmund, e non ha mai detto a Karol che si aspettava diventasse prete. Ma Karol Wojtyla senior fu un esempio per il figlio, che spesso lo vedeva anche pregare di notte. Suo figlio lo trovò morto quando tornò dal lavoro, e lì probabilmente si manifestò la consapevolezza della sua vocazione

Ti potrebbe interessare