I vescovi africani dicono no alle nuove ideologie sulla famiglia

I vescovi africani al seminario sulla famiglia di CCEE- SECAM
Foto: CCEE
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“La famiglia deve affrontare molte grandi sfide in tutto il mondo e in tutti i continenti.”  Con queste parole del cardinale  Péter Erdő presidente del CCEE si è aperto a Maputo il seminario: “La gioia della famiglia” organizzato congiuntamente dal Consiglio delle Conferenze Episcopali d'Europa (CCEE) e dal Simposio delle Conferenze Episcopali d’Africa e Madagascar (SECAM).

Dopo i saluti di benvenuto dell'Arcivescovo di Maputo, mons. Francisco Chimoio e del Presidente della Conferenza Episcopale del Mozambico, mons. Lucio Andrice Muadula di Xai-Xai. Ha preso la parola il Nunzio Apostolico in Mozambico, mons. Edgar Parra Pena, ha elogiato i vescovi d’Europa e d’Africa per i loro anni di collaborazione sulle comuni sfide socio-pastorali e teologiche dei loro due continenti. Ha fatto riferimento a diverse "situazioni tristi" che le famiglie si trovano ad affrontare e quindi ha invitato la Chiesa a raddoppiare o ad intensificare i suoi sforzi di evangelizzazione in modo da affrontare le sfide che stanno minando il tessuto morale del matrimonio e della famiglia in un mondo che sta diventando sempre più secolarizzato.

Il Presidente del CCEE, il cardinale Péter Erdő di Esztergom-Budapest (Ungheria) in un testo letto a suo nome da parte del Segretario generale del CCEE, monsignor Duarte da Cunha, ha anche toccato le conseguenze della secolarizzazione e dell'individualismo sulla famiglia. Ha lamentato la rapida diminuzione dei matrimoni sia in ambito civile che ecclesiastico.

“Un fenomeno molto incoraggiante nel mondo di oggi- scrive Erdő - è l’esistenza di moltissime comunità composte da famiglie, specialmente legate dalla fede e dall’impegno religioso, che assumono molti compiti della Chiesa stessa a livello parrocchiale, a livello dei movimenti, ed anche a livello di comunità locali.”

E in questo senso le chiese dell’Africa danno una preziosa testimonianza della loro fede. “La testimonianza di una fede radicata nella vita e spesso vissuta nella gioia anche in mezzo a tante difficoltà materiali, insieme al martirio dei nostri fratelli e sorelle che danno la vita per la fede, è una forza, è una benedizione, è una fonte di grazia anche per la Chiesa universale. Come europei sentiamo veramente il bisogno di aprire i nostri cuori per accogliere i doni e le testimonianze, le esperienze e le luci che provengono dalle chiese cattoliche di questo continente.” Ha concluso il Presidente del CCEE.

Tra le relazioni da ricordare le parole di monsignor Gabriel Mbilingi, Arcivescovo di Lubango (Angola) e Presidente del SECAM,  che ha parlato Sinodo nel 2014 e delle prospettive per il prossimo Sinodo nel 2015. Il presule ha invitato le famiglie a essere audaci per difendere i loro valori familiari, e anche ad avere il coraggio di dire no alle nuove ideologie che cercano di distruggere il matrimonio e la famiglia. Ha fatto appello alla Chiesa perché rafforzi la famiglia nel suo ruolo di annunciare il Vangelo della famiglia, la civiltà dell'amore e della cultura della vita. L'Arcivescovo ha sottolineato che “l’inculturazione efficiente ed efficace" del messaggio di Cristo è fondamentale per rispondere alle sfide pastorali globali del nostro tempo. Ha chiesto forti scelte pastorali al fine di salvare la famiglia dalla distruzione.

Ai seminario partecipano 22 vescovi.

Ti potrebbe interessare