Il Coordinamento Terrasanta chiede ad Israele vaccini anti-Covid anche per Gaza

Per la prima volta, i vescovi del Coordinamento Terrasanta non possono effettuare il loro consueto viaggio annuale. Ma la pandemia è al centro del loro messaggio

Una passata riunione dei vescovi del Coordinamento Terrasanta
Foto: CCEE
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

È una situazione difficile, quella della Terrasanta, colpita dal COVID e messa in ginocchio anche dall’assenza di pellegrini internazionali. E i vescovi del Coordinamento Terrasanta, il gruppo di vescovi europei, nord-americani e sud-africani che dagli anni Novanta si reca periodicamente in Terrasanta, per visitare le comunità cristiane, lo sottolinea nel messaggio finale della riunione di quest’anno. Una riunione che, per la prima volta, si deve tenere da remoto e non sui luoghi di Gesù.

Così, durante la scorsa settimana, i vescovi si sono riuniti in videoconferenza per ascoltare i cristiani di Cisgiordania, di Gaza e di Israele sulla loro missione, resilienza e testimonianza in queste circostanze senza precedenti.

In un comunicato finale, i vescovi sottolineano che questo è un momento in cui non c’è molto ottimismo, perché “i problemi causati alla salute dal Covid-19, che hanno colpito il mondo intero, sono aggravati dai conflitti, dall’occupazione e dal blocco”, mentre “l'assenza di pellegrini internazionali ha esacerbato le diffuse difficoltà economiche, aumentato i livelli di disoccupazione e spinto molte più famiglie nella povertà”.

I vescovi denunciano “la mancanza di progresso politico, insieme all'espansione incessante degli insediamenti illegali e all'impatto della legge sullo Stato-Nazione di Israele”, che “continua a erodere qualsiasi prospettiva di soluzione pacifica a due Stati”, e chiedono a tutti di rafforzare la solidarietà con il popolo di Terrasanta.

I vescovi chiedono a leader israeliani e palestinesi di riprendere a guidare ai negoziati, e si rivolgono ciascuno ai propri governi perché rinnovino “la loro partecipazione attiva per la ricerca di una pace giusta, sostenendo il dialogo tra tutte le parti, difendendo il diritto internazionale e riaffermando la pluralità di Gerusalemme, dato il suo significato unico per ebrei, cristiani e musulmani”.

Il Coordinamento esorta inoltre la comunità internazionale a “chiedere a Israele di assumersi la responsabilità morale, legale e umanitaria di rendere i vaccini Covid-19 accessibili ai palestinesi in Cisgiordania e a Gaza”, incoraggiando allo stesso tempo la cooperazione da parte dell'Autorità Palestinese.

Il Coordinamento sottolinea anche la “profonda responsabilità” di continuare a sostenere i cristiani in Terrasanta, nonostante le difficoltà della pandemia, specialmente in un momento in cui “le scuole, le cliniche, gli ospedali e altri progetti sociali della Chiesa, incluso il lavoro della Caritas, attualmente sotto forte pressione, sono modelli di carità, giustizia e pace”.

Sono istituzioni “fondamentali per riunire persone provenienti da contesti diversi a servizio del bene comune”, mentre “la comunità cristiana, sebbene piccola, è un importante garante della coesione sociale e portatrice di speranza per un futuro migliore”.

Ti potrebbe interessare