Il Papa: “La speranza non è mai a poco prezzo: passa sempre attraverso le sconfitte”

Papa Francesco, Udienza
Foto: Sabrina Fusco, ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Per Papa Francesco il cammino della speranza è Emmaus. Nell’Udienza Generale odierna il Pontefice racconta l’esperienza dei due discepoli di Emmaus, di cui parla il Vangelo di Luca: “due uomini che camminano delusi, convinti di lasciare alle spalle l’amarezza di una vicenda finita male”.

“I due pellegrini - precisa il Papa ai pellegrini in Piazza San Pietro - coltivavano una speranza solamente umana, che ora andava in frantumi. Quella croce issata sul Calvario era il segno più eloquente di una sconfitta che non avevano pronosticato. Se davvero quel Gesù era secondo il cuore di Dio, dovevano concludere che Dio era inerme, indifeso nelle mani dei violenti, incapace di opporre resistenza al male. Così i due fuggono da Gerusalemme”.

Sono “persone intente a rimuovere un ricordo che brucia”. Ma Gesù inizia con loro “la terapia della speranza”.

“Ne esce – spiega il Pontefice parlando dell’incredulità e dei due discepoli - una confessione che è un ritornello dell’esistenza umana: “Noi speravamo...”

“Quante tristezze – continua Papa Francesco -  quante sconfitte, quanti fallimenti ci sono nella vita di ogni persona! In fondo siamo un po’ tutti quanti come quei due discepoli. Quante volte nella vita abbiamo sperato, quante volte ci siamo sentiti a un passo dalla felicità, e poi ci siamo ritrovati a terra delusi. Ma Gesù cammina con tutte le persone sfiduciate che procedono a testa bassa. E camminando con loro, in maniera discreta, riesce a ridare speranza”.

Ma come parla Gesù di questa speranza? Attraverso le Scrittura. Spiega il Papa: “Chi prende in mano il libro di Dio non incrocerà storie di eroismo facile, fulminee campagne di conquista. La vera speranza non è mai a poco prezzo: passa sempre attraverso delle sconfitte. La speranza di chi non soffre, forse non è nemmeno tale. A Dio non piace essere amato come si amerebbe un condottiero che trascina alla vittoria il suo popolo annientando nel sangue i suoi avversari. Il nostro Dio è un lume fioco che arde in un giorno di freddo e di vento, e per quanto sembri fragile la sua presenza in questo mondo, Lui ha scelto il posto che tutti disdegniamo”.

Papa Francesco conclude la catechesi di oggi: “È un incontro rapido, quello di Gesù con i due discepoli di Emmaus. Però in esso c’è tutto il destino della Chiesa. Ci racconta che la comunità cristiana non sta rinchiusa in una cittadella fortificata, ma cammina nel suo ambiente più vitale, vale a dire la strada. E lì incontra le persone, con le loro speranze e le loro delusioni, a volte pesanti”.

 

Ti potrebbe interessare