Il vescovo polacco Zadarko chiede più aiuti all' Unione Europea per i rifugiati ucraini

Sono sei milioni e sono sostenuti solo dai volontari e dalla stato, serve l'impegno di tutta la UE

Il vescovo Krzysztof Zadarko
Foto: Episkopat News
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il vescovo Krzysztof Zadarko si è chiesto perché la Polonia non stia ricevendo più sostegno dall'Unione europea e da altri paesi nonostante aiuti milioni di rifugiati ucraini.

Il presidente del consiglio episcopale polacco per le migrazioni, il turismo e i pellegrinaggi, ha osservato che migliaia di rifugiati hanno continuato ad arrivare in Polonia dall'Ucraina ogni giorno.

"È necessario stabilire un'assistenza organizzata e a lungo termine", ha detto alla CNA. "Non capisco perfettamente perché non ci sia sostegno da parte dell'Unione europea e di altri paesi".

Dall'invasione russa dell'Ucraina il 24 febbraio, oltre sei milioni di persone sono fuggite dai combattimenti. Più della metà di loro ha cercato rifugio in Polonia in mezzo alla più grande crisi di rifugiati in Europa dalla seconda guerra mondiale.

La Polonia, un paese dell'Europa centrale di 38 milioni di persone, ha aderito all'UE, un'unione politica ed economica di 27 Stati membri, nel 2004.

Zadarko, vescovo ausiliare di Koszalin-Kołobrzeg, Polonia nordoccidentale, ha dichiarato: “La portata degli aiuti umanitari forniti dalla Chiesa cattolica in Polonia è enorme. Non c'è parrocchia che non si unisca agli aiuti, sia accettando rifugiati che organizzando raccolte di denaro e donazioni in natura".

"Come Chiesa, ci sforziamo di comprendere e adempiere le parole di Gesù: 'Ero straniero e mi avete accolto'".

Ha continuato: “L'intera società è coinvolta negli aiuti. Sentiamo tutti lo stesso desiderio di aiutare i poveri e i bisognosi. È importante notare la grande partecipazione di volontari provenienti da tutto il mondo, specialmente nei punti di accoglienza”.

Il presidente del consiglio per l'immigrazione dei vescovi ha sottolineato che tutti erano diventati volontari in Polonia da febbraio. Ma ha sottolineato che il paese mancava ancora di una rete di volontari organizzata professionalmente quasi tre mesi dopo lo scoppio della guerra.

"L'aiuto spontaneo, che è diventato oggi una formula, anche un marchio della nostra forma di assistenza, è buono per un breve periodo", ha detto. "Possiamo fare appello alla solidarietà e alla perseveranza in questo aiuto, che oggi è molto necessario, perché la condizione naturale della società si sta indebolendo ed estenuante, incontra l'ostacolo del burnout e della fatica".

"È necessario creare un aiuto organizzato, a lungo termine e strutturale garantito legalmente e finanziariamente, un programma basato su una politica migratoria coerente", ha affermato.

"Continueremo a fare appello a non dimenticare coloro che sono già tra noi oggi, ma anche le migliaia di persone che ci raggiungono ogni giorno dall'Ucraina".

Ha aggiunto: “Lo stato polacco sta cercando sempre meglio, settimana dopo settimana, di far fronte a una situazione estremamente difficile. È stato nominato un plenipotenziario governativo per l'assistenza ai rifugiati dall'Ucraina e adottata una legge speciale dal governo, che facilita l'accesso dei migranti ucraini al mercato del lavoro, all'assistenza sanitaria e all'istruzione".

Parlando a una conferenza internazionale nella capitale polacca Varsavia all'inizio di questo mese, Paweł Szefernaker ha sottolineato che la Polonia aveva bisogno di aiuto per soddisfare i bisogni a lungo termine dei rifugiati.

"Abbiamo bisogno di un fondo che aggiunga miliardi di euro per assistere non la Polonia, ma i rifugiati che raggiungono il nostro paese. Non vogliamo il fondo per noi stessi, vogliamo che il fondo aiuti i rifugiati", ha detto il vice ministro dell'Interno polacco.

Szefernaker ha detto alla CNA: "Molti rappresentanti dei governi e delle organizzazioni internazionali vengono in Polonia per visite di studio, ma finora questo non si è tradotto in aiuti materiali tangibili. Penso che la richiesta della Polonia di convocare un vertice dell'Unione europea il prima possibile per discutere fondi aggiuntivi abbia il sostegno della nostra parte d'Europa, specialmente tra quei paesi che confinano con l’Ucraina”. 

Ti potrebbe interessare