In Polonia i cattolici hanno superato la sfida del Coronavirus

Volontari per i più bisognosi e una liturgia seguitissima anche a distanza

La Madonna nera di Jasna Góra
Foto: Conferenza episcopale polacca
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“100.000 volontari e 3.000 suore coinvolte nell'aiuto alle persone colpite dal coronavirus, le celebrazioni della Santa Messa on line con una partecipazione record di fedeli, e molte iniziative di assistenza locale. Possiamo dire che i cattolici polacchi hanno definitivamente superato l'esame durante la crisi causata dal pandemia di coronavirus”, spiega  Pawel Rytel-Andrianik, portavoce della Conferenza episcopale polacca.

Rytel-Andrianik ha osservato che durante questo periodo difficile, la Chiesa non si è isolata dai fedeli, ma ha usato ogni mezzo a sua disposizione per stare con i fedeli, per evangelizzare e sostenere spiritualmente e materialmente.

"La Chiesa in Polonia ha utilizzato i risultati tecnici digitali - YouTube, i social media - per accompagnare i fedeli spiritualmente e per consentire loro di partecipare il più possibile al sacro attraverso strumenti digitali e televisione" - ha sottolineato p. Rytel-Andrianik.

Milioni di polacchi davanti a televisori, ricevitori radio e via Internet hanno seguito le trasmissioni pasquali del Triduo e di Pasqua. Uh polacco su dieci seguiva la Santa Messa dalla Cappella di Jasna Góra o dal Santuario della Divina Misericordia a Cracovia-Łagiewniki. Da quel momento, c'è stata una trasmissione quotidiana della Santa Messa alle 7 in punto dalla Cappella di Jasna Góra e della Coroncina della Divina Misericordia dal Santuario di Cracovia-Łagiewniki. Quest'ultimo è seguito ogni giorno da 250.000 spettatori.

“L'unità delle persone in isolamento e il senso di comunità sono stati dati anche da campagne sui social media come #Easter, # ThankYouJohnPaul2, #SummerMass. I polacchi hanno creato una comunità virtuale di persone che celebrano importanti feste e giubilei. Solo così è stata possibile la celebrazione del centenario della nascita di Giovanni Paolo II, a cui hanno partecipato migliaia di persone provenienti da tutto il mondo ”- ha affermato padre Rytel-Andrianik.

Durante la crisi del coronavirus, anche la Chiesa in Polonia non ha dimenticato gli aiuti materiali. Attraverso le unità locali della Caritas e con l'aiuto di 100.000 volontari e 3.000 suore polacche, la Chiesa si è occupata del cibo e del supporto psicologico per anziani, soli, malati e in quarantena. Sono stati creati molti progetti di assistenza per medici, infermieri e volontari.

 

"Ora che la dispensa dalla partecipazione all'Eucaristia domenicale è stata abolita, fatta eccezione per gli anziani e i malati, i fedeli ritornano nelle chiese per pregare di nuovo nella vera comunità" - ha sottolineato il portavoce dell'episcopato polacco.

Ti potrebbe interessare