La famiglia polacca che diede la vita per salvare 8 ebrei

La famiglia Ulma
Foto: Conferenza Episcopale Polacca
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Una celebrazione speciale quella dello scorso 24 marzo in Polonia, la prima Giornata Nazionale della memoria delle famiglie polacche che hanno aiutato gli ebrei durante la persecuzione nazista.

Il 24 ricorreva l’anniversario della morte della famiglia Ulma, madre, padre e i loro 7 figli, sterminata  dai nazisti nel 1944 per  aver nascosto otto ebrei.

La tragica storia della famiglia Ulma di Markowa è commemorata nel museo dedicato alla famiglia Ulma e a tutti i polacchi che hanno aiutato gli ebrei. Nella lunga lista di polacchi ci sono i nomi di vescovi e sacerdoti.

Undici dei tredici vescovi della regioen che rimasere in Polonia durante l’Olocausto erano coinvolti nel salvataggio di ebrei ricorda Don Paweł Rytel-Andrianik, portavoce della conferenxza episcopale polacca. “Inoltre, uno dei vescovi emigrati in Inghilterra ha condannato i crimini nazisti contro la popolazione ebraica da Radio Londra "-

Durante l'occupazione tedesca, molto probabilmente verso la fine del 1942, nonostante la povertà e il rischio, gli Ulmas diedero rifugio a otto ebrei: Saul Goldman ei suoi quattro figli i cui nomi sono sconosciuti (a Łańcut, erano chiamati Szalls) e due figlie e una nipote di Chaim Goldman di Markowa - Lea (Layka) Didner con sua figlia (nome sconosciuto) e Genia (Golda) Grünfeld. Józef e gli uomini che stava nascondendo erano conciatori. Gli Ulmas furono probabilmente denunciati ai tedeschi per aver ospitato ebrei da Włodzimierz Leś, un poliziotto di Łańcut. Il 24 marzo 1944, al mattino, cinque gendarmi tedeschi e diversi poliziotti blu scuro arrivarono davanti alla casa degli Ulmas. Erano comandati dal tenente Eilert Dieken. Iniziarono a sparare agli ebrei e ai successivi Józef e Wiktoria (che era al settimo mese di gravidanza). Quindi, Dieken ha deciso di uccidere i bambini. In pochi minuti, diciassette persone persero la vita (compreso il bambino che Wiktoria aveva iniziato a dare alla luce al momento dell'esecuzione).

Circa venti altri ebrei furono protetti dai polacchi a Markowa e sopravvissero.

Nel 1995, Wiktoria e Józef Ulma hanno ricevuto postumo il titolo "Giusto tra le nazioni". Nel 2010, sono stati onorati con la Croce comandante dell'Ordine di Polonia Restituta dal Presidente della Repubblica di Polonia, Lech Kaczyński. Nel 2003, il processo di beatificazione di Ulmas è stato avviato nella diocesi di Przemyśl ed è attualmente in corso in Vaticano.

 

 

Ti potrebbe interessare