La Santa Sede tenta ancora di riportare alla ortodossia il "Cammino Sinodale"

Una risposta ad una lettera di alcuni vescovi alla Santa Sede e la reazione del vescovo Bätzing

Il vescovo Georg Bätzing
Foto: EpiskopatNews
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Gli ultimi richiami della Santa Sede al "Cammino sinodale" nasce dalla lettera che i vescovi di Colonia, Ratisbona, Passau, Eichstätt e Augusta hanno scritto al Vaticano il 21 dicembre 2022. La questione era se i vescovi potessero o no essere costretti a rispettare l'autorità del così detto Consiglio Sinodale.

La risposta della Santa Sede è arrivata il 16 gennaio, ovviamente in tedesco, e ricorda al vescovo Bätzing Presidente del Consiglio episcopale tedesco, che nella Lumen Gentium, il Concilio Vaticano II insegna “che la consacrazione episcopale, insieme all’ufficio di santificazione, conferisce anche l’ufficio di insegnamento e di governo, che, tuttavia, per sua stessa natura, può essere esercitata solo in comunione gerarchica con il capo e i membri del collegio (episcopale)".

Quattro pagine, con un testo approvato da Papa Francesco e firmato dal segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, dal prefetto del Dicastero della Dottrina della Fede, il Cardinale Luis Ladaria e dal prefetto del Dicastero dei Vescovi, il Cardinale Marc Ouellet.

Da più parti si parla del rischio di uno "scisma" tedesco e già a luglio scorso la Santa Sede è intervenuta a proposito del "Cammino Sinodale" della Chiesa cattolica in Germania.

Con l'ultima missiva, la Santa Sede informa Bätzing "che né il Cammino Sinodale, né alcun organismo da essa stabilito, né la conferenza dei vescovi hanno la competenza di stabilire il "concilio sinodale" a livello nazionale, diocesano o parrocchiale".

Nella sua dichiarazione pubblica di lunedì scorso il vescovo Bätzing ha detto che "l'ultimo documento di Roma avrà la conseguenza per noi in Germania che penseremo molto più intensamente alle forme e alle possibilità della consultazione sinodale e del processo decisionale al fine di sviluppare una cultura della sinodalità".

Bätzing ha detto che questo è stato "utile" in vista di come sarebbe stato realizzato il consiglio e che sarà un tema di dialogo con Roma.

I partecipanti alla Via Sinodale tedesca nel settembre 2022 hanno votato per creare un organismo di controllo che avrebbe supervisionato in modo permanente la Chiesa in Germania.

Secondo questo documento, un tale consiglio sinodale sarebbe eseguito dopo la formazione di un "comitato sinodale", che avrebbe poi deliberato sui dettagli del nuovo organo di governo nazionale.

Sebbene la lettera di Roma affermi esplicitamente che i vescovi non sono tenuti a partecipare a tale comitato, Bätzing ha osservato che il concetto di tale comitato stesso "non è messo in discussione dalla [ultima] lettera di Roma".

Secondo i piani del Cammino sinodale, il comitato sinodale sarebbe composto dai 27 vescovi diocesani, 27 membri eletti dall'organizzazione laica ZdK e 10 membri eletti congiuntamente da loro.

Il comitato sarebbe presieduto dal presidente della conferenza dei vescovi e dai "presidenti della ZdK".

Il consiglio sinodale permanente funzionerebbe "come organo consultivo e decisionale sugli sviluppi essenziali della Chiesa e della società", secondo la proposta tedesca.

Ancora più importante, "toccherebbe decisioni fondamentali di significato sovra-diocesano sulla pianificazione pastorale, le questioni del futuro e le questioni di bilancio della Chiesa che non sono decise a livello diocesano".

Il vescovo Georg Bätzing del Limburgo ha affermato che i vescovi diocesani tedeschi avevano discusso la lettera e avrebbero cercato di discutere ulteriormente la questione "nel prossimo futuro".

Allo stesso tempo, Bätzing ha respinto le preoccupazioni che un consiglio sinodale tedesco avrebbe avuto autorità sulla conferenza dei vescovi e minato l'autorità dei singoli vescovi come "infondata".

Nel giugno 2022, il cardinale Walter Kasper, un teologo considerato vicino a Papa Francesco, ha detto che non poteva esserci un "concilio sinodale", data la storia e la teologia della Chiesa: "I sinodi non possono essere resi istituzionali permanenti. La tradizione della Chiesa non conosce un governo sinodale della Chiesa. Un consiglio supremo sinodale, come è ora previsto, non ha alcuna base in tutta la storia della costituzione. Non sarebbe un rinnovamento, ma un'innovazione inaudita”.

Nel giugno 2019, Papa Francesco ha inviato una lettera di 19 pagine ai cattolici in Germania esortandoli a concentrarsi sull'evangelizzazione di fronte a una "crescente erosione e deterioramento della fede".

Il presidente della conferenza dei vescovi tedeschi, il vescovo Bätzing del Limburgo, ha ripetutamente respinto le preoccupazioni e ha invece espresso delusione in Papa Francesco nel maggio 2022.

Nel novembre dello scorso anno, a seguito di un incontro con Papa Francesco e la Curia romana, Bätzing ha detto che Roma potrebbe ancora una volta riassumere "le sue obiezioni, le sue preoccupazioni" del processo tedesco. Tuttavia, il Cammino Sinodale aveva preso le sue decisioni, anche riguardo a un consiglio sinodale permanente.

In un'intervista pubblicata un mese dopo, a giugno, Papa Francesco ha ribadito di aver detto a Bätzing che il paese aveva già "una ottima Chiesa evangelica [luterana]" e "non abbiamo bisogno di un'altra ".

Papa Francesco si è lamentato dell'"erosione" della fede in Germania durante la visita dei vescovi tedeschi a Roma nel 2015.

"L'eccessiva centralizzazione, invece di aiutare, può complicare la vita della Chiesa e della sua dinamica missionaria", aveva detto Papa Francesco ai prelati tedeschi nel novembre 2015.

Ti potrebbe interessare