“Cammino sinodale” in Germania, la dichiarazione della Santa Sede

La Santa Sede interviene con una dichiarazione ufficiale sul “Cammino sinodale” tedesco

San Pietro
Foto: Archivio ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La Santa Sede interviene con una dichiarazione ufficiale sul “Cammino sinodale” tedesco.

Per tutelare la libertà del popolo di Dio e l’esercizio del ministero episcopale, pare necessario precisare che il ‘Cammino sinodale’ in Germania non ha facoltà di obbligare i Vescovi ed i fedeli ad assumere nuovi modi di governo e nuove impostazioni di dottrina e di morale. Non sarebbe lecito avviare nelle diocesi, prima di un’intesa concordata a livello di Chiesa universale, nuove strutture ufficiali o dottrine, che rappresenterebbero una ferita alla comunione ecclesiale e una minaccia all’unità della Chiesa”, si legge subito nella nota pubblicata oggi tramite bollettino.

“La Chiesa universale vive in e delle Chiese particolari, così come le Chiese particolari vivono e fioriscono in e dalla Chiesa universale, e se si ritrovano separate dall’intero corpo ecclesiale, si debilitano, marciscono e muoiono. Da qui il bisogno di mantenere sempre viva ed effettiva la comunione con tutto il corpo della Chiesa”, continua la dichiarazione citando il Papa.

“Pertanto si auspica che le proposte del Cammino delle Chiese particolari in Germania confluiscano nel percorso sinodale che sta percorrendo la Chiesa universale, per un reciproco arricchimento e una testimonianza di quella unità con la quale il corpo della Chiesa manifesta la sua fedeltà a Cristo Signore”, infine riporta così la stessa nota.

Ti potrebbe interessare