L'anniversario della rivolta del ghetto di Varsavia: un invito a pregare per la pace

“Lo scoppio della rivolta del ghetto di Varsavia, il 19 aprile 1943, fu un grido per la vita, la libertà, l'identità"

Monument to the Ghetto Heroes
Foto: Sr. Amata CSFN.
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Lo scoppio della rivolta del ghetto di Varsavia, il 19 aprile 1943, fu un grido per la vita, la libertà, l'identità e il posto nel mondo per gli ebrei. L'anniversario di questa rivolta richiede una preghiera per la pace, soprattutto in Ucraina”, ha sottolineato monsignor Rafał Markowski, presidente del Comitato per il dialogo con l'ebraismo della Conferenza episcopale polacca.

Il presidente ha sottolineato che l'eroismo degli ebrei di Varsavia, che erano destinati allo sterminio da parte della Germania nazista, portò alla rinascita della nazione anni dopo, anche se la rivolta non fu vinta.
"Ricordiamo con profondo rispetto e riverenza coloro che eroicamente sopravvissero al male, sapendo che il nemico era incomparabilmente più forte militarmente. La loro storia è come il seme del Vangelo che, quando muore, cade in terra e produce una ricca messe (cfr Gv 12,24)".

Grazie a questo sacrificio, la nazione israeliana è sopravvissuta e vive.
"Nel 79esimo anniversario dell'insurrezione del ghetto di Varsavia preghiamo per tutti coloro che sono morti in mezzo all'Europa, difendendo il loro diritto alla vita, alla dignità libertà", ha affermato il vescovo Markowski.

"La nazione ucraina sta pagando un prezzo enorme per questa volontà di sopravvivere. È un grande dolore che l'umanità non ha preso a cuore la tragica lezione della seconda guerra mondiale. Continuiamo a pregare per la pace. Lo richiede il sangue degli Eroi della Rivolta del Ghetto di Varsavia”, ha sottolineato infine il presidente della commissione polacca.

Ti potrebbe interessare