Letture, la magia del Natale tra spiritualità e tradizione

Tre libri per recuperare il vero senso della Nascita di Gesù

Un testo originale di Sant' Alfonso con il canto " Tu scendi dalle stelle"
Foto: pd
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

"Tu scendi dalle stelle" è il canto di Natale forse più noto, o comunque cantato al mondo, e può vantare innumerevoli imitazioni e parodie. Ma il senso di questo canto è molto meno scontato di quanto si possa immaginare. Bisognerebbe infatti ricordare com'è nato e qual'è il suo "creatore".

Dunque, proprio alla vigilia di questo Natale, il consiglio è di approfittare di una nuova edizione delle Paoline per rileggere le pagine  sul "Natale. Meditazioni e poesie" di Alfonso Maria de' Liguori. Sì,  proprio lui, importante avvocato, poi vescovo e infine santo. Fu  lui a scrivere "Tu scendi dalle stelle" e poi l'altro canto natalizio tanto caro alla nostra tradizione più schiettamente popolare, "Quando nascette Ninno a Bettlemme".

Nel libro, che contiene 46 meditazioni e sei poesie, scritte nel 1758,  sono contenute le indicazioni precise per vivere il Natale con genuino sentimento cristiano, fuori dagli "schemi" imposti dal consumismo sfrenato. "Molti cristiani sogliono per lungo tempo avanti preparare nelle loro case il presepe per rappresentare la nascita di Gesù Cristo; ma pochi sono quelli che pensano a preparare i loro cuori, affinché possa nascere in essi è ripari Gesù Cristo.

Tra questi pochi però vogliamo essere ancora noi, acciocche' siamo fatti degni di restare accesi di questo felice fuoco, che rende le anime contente in questa terra e beate in cielo", scriveva Sant'Alfonso, infatti. E questa osservazione oggi sembra quasi spropositata, rispetto  a quanto succede in questo periodo di festa. Perché oggi già allestire un presepe rappresenta un bel passo avanti rispetto alla coscienza di ciò che dovrebbe essere il Natale...

Oltretutto, questo libro rappresenta un bella occasione per rinnovare la conoscenza,  o magari  per farla per la prima volta, con questo santo dalla missione straordinaria. Nato nei pressi di Napoli nel 1696, laureatosi a 16 anni in diritto canonico, diventa un acclamato  civilista che si guadagna la fama di non perdere mai una causa. Invece, nel 1723, accade l'impensabile: il dottor Alfonso perde  un clamoroso processo. E questo lo spinge a cambiare vita. Diventa sacerdote, con una peculiarità: vive nel mondo dei "lazzaroni", per non lasciarli vivere una vita perduta istituisce le Cappelle serotine.  Nel 1732 fonda a Scala, a Salerno, i Missionari Redentoristi con lo scopo di andare a catechizzare i  contadini più poveri e abbandonati a se stessi. Viene nominato vescovo nel 1762 e dopo 13 anni chiede e ottiene l'esonero, si ritira in un paese campano, dove muore nel 1787. Viene proclamato santo nel 1839, nel 1871 dottore della Chiesa, mentre nel 1950 papa Pio XII lo nomina patrono dei confessori.

Un altro testo che vale la pena di legge in questi giorni di Avvento è quello di un altro grande protagonista della storia della Chiesa,  san Giovanni Crisostomo,  e ora  viene  riproposta la sua Omelia di Natale. Che parla appunto del senso della festa  e della data del Natale.  Nella sua argomentazione i due temi si intrecciano e in questo modo la celebrazione natalizia diventa un'occasione per parlare del mistero dell'Incarnazione,  approfondendo la questione della cronologia della nascita di Gesù.

Per gustare l'atmosfera di antichi natali, quelli di stretta osservanza vittoriana, quelli con le case di campagna addobbate a regola d'arte  e con nevicate da ammirare dietro le finestre, ecco una bella raccolta di racconti di Anthony Trollope,  tra gli scrittori inglesi più prolifici della seconda metà dell'Ottocento, dal titolo "Natale a Thompson Hall". La raccolta si apre  proprio con il racconto che da' il titolo al libro, una divertente parodia della rigida società vittoriana, che   lo scrittore seppe interpretare e  criticare con acutezza e straordinaria capacità descrittiva. 

Il lettore viene introdotto nel piccolo, grande mondo delle canoniche di campagna, rese più vivaci e accoglienti nel periodo delle  feste, nel mondo dei piccoli possidenti e delle loro famiglie, e in particolare sulle donne di quelle famiglie,  quadri placidi in  cui si inseriscono delicate  storie d'amore destinate ad epilogo felice, non prima di aver passato i tormenti di equivoci, fraintendimenti, dubbi. Una rievocazione ricca di fascino e di grande finezza letteraria. Naturalmente,  dato il periodo, i libri che abbiamo citato rappresentano anche piccoli, grandi  doni da fare, idee per regali davvero significativi e, se vogliamo,  realmente  "alternativi".

 

Alfonso Maria de' Liguori, Natale.  Meditazioni e poesie, pp.158, euro 8

Giovanni Crisostomo,  La meravigliosa del Natale- Il Signore ha resa pura la nostra carne, Libreria Vaticana Editrice, euro 6,50

Anthony Trollope, Natale a Thompson Hall,  Sellerio editore, euro 13,  pp.212

Ti potrebbe interessare