Letture: Paolo VI l'arte e il miracolo

Paolo Vi
Foto: Vatican Media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Salirà agli onori degli altari tra pochi giorni, ma Papa Paolo VI per molti è già un santo, e non da oggi. Anche se il suo è stato un pontificato tra i più travagliati e fraintesi. E i segni del suo destino straordinario si erano rivelati sin dagli anni della sua gioventù, quando, come tanti altri ragazzi come lui, aveva cercato e trovato in se stesso il desiderio urgente di fare tante cose, di avere molte vite davanti a sé.

 

"Il giovane Montini (che, oltre il fascino di tutte le vocazioni laicali,  subì anche l'attrattiva della vita monastica benedettina) unifico' tutto nel ministero sacerdotale inteso come Amore, incessante e senza riserve alla Chiesa e al mondo (un mondo destinato  a essere Chiesa)". Amore, il centro della sua esistenza e della sua missione.

Il brano citato si trova nell'introduzione di un volume appena pubblicato dalle edizioni Ares, dal titolo "Paolo VI. Il Papa del dialogo & del perdono ", scritto dal padre Antonio Maria Sicari, grande scrittore, uno specialista, per così dire, nelle biografie di santi e beati. 

Il libro percorre l'esistenza del futuro santo,  fin dai giorni dell'infanzia e dell'adolescenza a Concesio, alle porte di Brescia, in seno ad una famiglia amorosa e in grado di far crescere il giovane Giovan Battista con una profonda e solida formazione spirituale.

 

Individuando i nuclei portanti del pensiero e dell'azione di Montini, la sua vita trascorsa al servizio della Chiesa, fino al soglio pontificio.  L'autore illustra quello che la sua elezione ha significato per il Vaticano II e per la travagliata stagione post conciliare, i primi grandi viaggi di un Pontefice nel mondo, fino al rapimento e all'omicidio di Aldo Moro, una tragedia che colpì al cuore Paolo VI. 

 

Moltissimi gli spunti di riflessione e di approfondimento,  ma non si può non sottolineare almeno uno degli aspetti peculiari del pensiero del Pontefice: il suo costante riferimento all'arte. Arte come "velo trasparente" che fa rilucere il Bello. Il Bello come forma del Vero, che dà senso al vivere. Una simile concezione ha portato Montini fin da ragazzo a coltivare una profonda passione per letteratura, poesia, arte, musica, in un dialogo mai interrotto e fecondo di iniziative con artisti, filosofi, letterati. Sono famose le sue intense amicizie con Jean Guitton,  Hans Urs Von Balthasar,  Jacques Maritain,  Giacomo Manzù.

 

 Questo "capitolo" così centrale nella vita di Paolo VI e denso di conseguenze è stato ben tratteggiato nell'opera di padre  Sicari. E per una felice coincidenza, mentre ci occupavano di questo libro, a Roma è stato organizzato un incontro incentrato proprio sull'intero rapporto tra l'arte sacra contemporanea e Paolo VI, che favorì un nuovo dialogo fra gli artisti e la Chiesa. Partendo da un "caso" concreto: da un quadro sulla Trasfigurazione di Luigi Caflish,  che rievoca il giorno del 6 settembre 1978, in cui il Papa morì.

 

 L'incontro è stato organizzato venerdi' scorso dall'Arciconfraternita dei Bolognesi, con il pittore Caflish, il critico d'arte Mariano Apa, Silvia Guidi, giornalista e autrice teatrale.

Dialogo si', con duttilità e senza preconcetti, con aperture e disponibilità al confronto  ma senza cedere sulle certezze della fede, sui fondamenti sui quali non è possibile alcun compromesso.  E senza cedimenti alle mode del momento e al "pensiero" dominante. L'arte come ricerca del Bello e del Vero, ma sempre spinti dalla forza dell'Amore.  

 

Amore per la vita, sempre, fin dal primo istante, dal concepimento: nel 1968, con l'enciclica Humanae Vitae, con il suo chiaro riaffermare il significato dell'atto procreativo e l'illeicita' di alcuni metodi per la regolazione della natalità (aborto, sterilizzazione, contraccezione...), provocò un enorme dissenso,  sia a livello teologico, sia a livello di conferenze episcopali, senza ovviamente contare gli strali del mondo laico. Questa strenua difesa della vita ha avuto un "contrappeso" significativo anche in quell'importante capitolo della "vita oltre la vita" di Paolo VI.

 

I due miracoli che hanno dato il via al l'iter della beatificazione e della canonizzazione riguardano due bimbi salvati quando ancora le madri dovevano partorirli.  

 

In un altro libro pubblicato ora dalla Ares, sempre in occasione della canonizzazione,  dal titolo "Una culla per Amanda. Il miracolo di Paolo VI". Vanna e Alberto Tagliaferro hanno raccontato al giornalista Andrea Zambrano la loro straordinaria vicenda: con l'Intercessione di Papa Montini, la loro bambina Amanda  è nata ed è cresciuta, contro ogni speranza umana e certezza medica. Amanda, infatti, si era formata nel grembo materno senza liquido amniotico ed  e' nata prematura, ma è riuscita a venire al mondo la notte di Natale. Grazie alle preghiere al beato Paolo VI, così grande, umile, incompreso, profetico.

 

Antonio Maria Sicari,  Paolo VI. Il Papa del dialogo & del perdono", Ares edizioni,  pp.144, euro 12

 

Andrea Zambrano,  Una culla per Amanda,  euro 13, pp.160

 

Ti potrebbe interessare