Letture, preghiera respiro per l'anima da imparare di nuovo

Tre autori contemporanei raccontano come la preghiera ha cambiato la loro vita

Preghiera
Foto: www.publicdomainpictures.net
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Nella bruma del primo mattino, quando sorge il pallido sole invernale, si diffonde un buon odore di fumo e di fuoco, di foglie macerate nella terra; tra le poche case del piccolo paese, vuote, si sente muggire qualche mucca nelle stalle, un abbaiare di cane. I rami degli alberi sono già spogli e disegnano ricami sottili sul cielo che schiarisce. Davanti agli occhi questo paesaggio e dal cuore sale lenta e limpida una voce che recita Pater nostrum…La preghiera è necessaria, è parte integrante dell’essere, del vivere, dell’agire. C’è chi prega in un paese come quello descritto, nel mondo perduto dell’Appennino emiliano. C’è chi prega in una stanza in casermoni cittadini, o chi riesce a pregare in antiche abbazie, in cappelle al limitare di boschi silenziosi… Ma a pregare oggi non sono in molti.  

Lo dichiara anche Giovanni Lindo Ferretti nell’ultimo suo libro, un libro breve, denso e folgorante, dal titolo: "Óra. Difendi conserva prega", pubblicato dalla Compagnia Editoriale Aliberti.  Ferretti è un protagonista atipico della scena creativa italiana. Per decenni ha percorso sentieri del tutto diversi tra loro, quello del punk, della militanza e della rivoluzione, della musica e della poesia, dell’ascesi e della solitudine come scelta di vita. Dunque l’oggi è a Cerreto Alpi, minuscolo paese appenninico  con due cavalli, cinque gatti, un cane chiamato Scampato, una gher (le tende usate dai popoli nomadi dell’Asia Centrale) e uno zio 97enne di cui si prende cura. E dove prega, come racconta in modo toccante nel suo libro. 

Al racconto di un ricordo si associano le parole di una preghiera, una di quelle della tradizione, spesso in latino, che fanno parte della sua storia e nella storia della civiltà occidentale, dalle pietre di un paese sperduto alle guglie delle cattedrali. Rievoca sua madre malata di Alzheimer, di come la malattia la stava divorando  velocemente. Allora il figlio prende una decisione: tutte le sere si recita il rosario, l’unica cosa possibile. Il rosario diventa il baluardo contro il buio, il vuoto, il delirio. E alla fine i medici ammettono che c’era stata una regressione della malattia. La preghiera salva, protegge. Dalle annotazioni di Ferretti scaturiscono le figure della nonna, di amici scomparsi, di artisti conosciuti, e tutto si intreccia con i dialogo con Dio, Maria, lo Spirito Santo, e l’implorazione alla misericordia del Padre, per i defunti, per l’ora della morte. 

"La maggior parte delle persone che frequento non pregano, la quasi totalità di quelle a cui voglio bene non pregano, non ne conoscono necessità, non possono beneficiarne. I bambini crescono senza impararle", scrive l’autore. Che ha imparato a pregare con la nonna, prima di addormentarsi, in una casa senza televisione e radio, solo molto silenzio e molto tempo in cui  Dio si fa incontro, lì in quella  parte nascosta della montagna emiliana dove si parla in dialetto e si prega in latino. Poi si cambia, il bambino Giovanni va in città e smette di pregare, avviandosi su una strada di creatività e di follia, in cui però, in qualche modo la presenza del Mistero e il bisogno di richiamarlo non sono mai davvero scomparsi. Anche nella rabbia e nella forza delle canzoni delle band di cui fa parte, dalle CCCP e della CSI, di successo ma tossico, velenoso, che gli toglie la voglia di vivere e che Ferretti sente di non poter più sopportare. Torna alla sua terra, quella forte delle sue radici. "Non so quando ho ricominciato a pregare. L’ho fatto così, perché mi si allargava il cuore". Perché pregare, “orare” è  "un ragionevole atto" visto che riesce a far sentire bene, "comunque meglio. Se non prego è comunque peggio".

La preghiera è anche essere comunità, essere insieme, ma anche questa dimensione è ormai eclissata. Lo si avverte in modo tangibile di fronte alle varie prove a cui ci sottopone la vita, fino all’atto finale, alla morte: "La perdita personale e pubblica ci priva di una componente essenziale della socialità, quella che chiamavamo civiltà e con tutte le avversità e con tutte le sue colpe lo era. Il far pronte alle avversità, al dolore, in forme codificate, religiose, le uniche che possono intervenire quando non si sa cosa dire, come fare, perché se ognuno è a sé c’è ben poco da dire e ancor meno da fare". 

Il tempo del pregare è un tempo eterno, spiega Ferretti, e in questo tempo dilatato ognuno può trovare il proprio tempo. Se noi, creature finite, viviamo nel desiderio dell’Infinito, è nella preghiera che possiamo sentire meno il peso della nostra finitezza. Ecco allora che possono aiutarci libri come quello di Giovanni Lindo Ferretti, o come "Il respiro della preghiera. Camminando con un eremita" di Stella Lepore, che cerca di tracciare, dentro i nostri giorni distratti e frenetici un cammino di silenzio e di preghiera, appunto, uno spazio illuminato dalla Sua presenza, che faccia comprendere il vero volto della realtà e la sua bellezza. Marco Ballarini, nel suo "Dante maestro di preghiera", indica nel più grande tra i poeti una guida spirituale per imparare a pregare attraverso uno sguardo che supera ogni confine spazio-temporale. Basterebbe considerare la potente invocazione a Maria, nel Paradiso, pronunciata da san Bernardo. In molti vorrebbero che fosse riconosciuta “ufficialmente” come preghiera. In una chiesa di Treviso l’abbiamo trovata riprodotta proprio davanti ad una statua dedicata alla Madonna e ci è venuto spontaneo mormorarla in quel silenzio raccolto, un’oasi felice nel cuore di una rovente e caotica giornata estiva.

 

Giovanni Lindo Ferretti, Óra. Difendi conserva prega, Compagnia Editoriale Aliberti, euro 12, pp.128

 

Stella Lepore, Il respiro del giorno. Camminando con un eremita, Tau edizioni, euro 12, pp.100

 

Marco Ballarini, Dante maestro di preghiera, Centro Ambrosiano, euro16,15, pp.216

 

 

Ti potrebbe interessare