Marcianò, spesso i "diritti rivendicati" ledono la libertà profonda della persona

La omelia dell' Ordinario Militare italiano al corso per i Cappellani militari

Monsignor Marcianò in visita all' Aeronautica
Foto: www.aeronautica.difesa.it
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Noi riflettiamo sul diritto alla libertà, leso in contesti di violenza, guerra, prevaricazione, ma non sempre ci rendiamo conto di quanto spesso siano proprio i cosiddetti “diritti rivendicati” a ledere la libertà più profonda e a rendere la persona più schiava.

Assieme alla pena di morte, che andrebbe ormai definitivamente soppressa, penso a leggi che promuovono aborto, droghe o diverse tipologie di dipendenze o anche – come accaduto recentemente in Italia - eutanasia e suicidio assistito; il tutto invocando quel diritto all’autodeterminazione che non solo non esaurisce, ma a volte addirittura contraddice l’essenza della libertà, rinforzando pesantemente la logica della violenza e della guerra”.

Lo ha ribadito Mons. Santo Marcianò, Ordinario militare per l’Italia nella omelia della messa per il corso di formazione per i cappellani.

Il presule ha aggiunto che la “comunione nel pianto ci aiuta a intercettare e condividere i gemiti delle persone private della libertà nei conflitti armati, operando instancabilmente perché venga affermata la giustizia e rispettato il diritto il umanitario internazionale, ma anche ascoltando insieme con loro i gemiti dello Spirito, l’aspirazione dei figli di un unico Padre, destinatari di una libertà più profonda, più interiore, che può misteriosamente sbocciare anche in situazioni estreme di detenzione”.

Ti potrebbe interessare