Mons. Cavina in partenza per Erbil: "Denunciamo il genocidio"

Mons. Francesco Cavina, Vescovo di Carpi
Foto: Diocesi di Carpi
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“In molte società dire semplicemente: io sono cristiano è un pericolo per la vita. Secondo stime affidabili, sono circa 200 milioni i cristiani che in 60 Paesi del mondo subiscono limitazioni all’esercizio della propria fede.Il Papa - e di questo non si dice nulla - ha invitato tutti i cristiani ad alzare la propria voce per chiedere la fine del genocidio”. E’ quanto denuncia il Vescovo di Carpi, Monsignor Francesco Cavina, che dal primo al 4 aprile prossimi si recherà in visita ad Erbil, nel Kurdistan iracheno.

“La fine del genocidio - prosegue il presule - deve iniziare con la fine del silenzio”. La visita ad Erbil vuole essere “un atto di solidarietà con quanti oggi stanno soffrendo per la fede cristiana”.

“Il martirio - ricorda Mons. Cavina - fa parte della vita della Chiesa, tuttavia questo non significa che debba avvenire senza conseguenze e che passi inosservato. L’ingiustizia, qualunque volto assuma, deve essere sempre denunciata con forza. Ogni ingiustizia deve spingerci a pronunciarci contro di essa e in favore della giustizia”.

 

La visita ad Erbil è organizzata insieme ad Aiuto alla Chiesa che soffre.

Ti potrebbe interessare