Nuovi Santi e Servi di Dio. Tra loro c’è anche il Cardinale John Henry Newman

San Pietro
Foto: Vatican Media / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Nuovi Santi e Servi di Dio per la Chiesa cattolica. Ieri Papa Francesco ha ricevuto in udienza il Cardinale Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, Angelo Becciu, e ha dato il suo via libera alla promulgazione di alcuni decreti. Tra loro c’è il nome del Beato Giovanni Enrico Newman, Cardinale di Santa Romana Chiesa, Fondatore dell’Oratorio di San Filippo Neri in Inghilterra.

Riconosciute anche le virtù eroiche del Servo di Dio Giuseppe Mindszenty, Cardinale di Santa Romana Chiesa, già Arcivescovo di Esztergom e Primate di Ungheria.

Il nome del beato Giovanni Enrico Newman, Cardinale di Santa Romana Chiesa, Fondatore dell’Oratorio di San Filippo Neri in Inghilterra, nato a Londra il 21 febbraio 1801 e morto a Edgbaston l’11 agosto 1890  si vociferava da tempo. Il miracolo verrebbe da Chicago. L'arcidiocesi di Chicago aveva studiato la guarigione di una donna che ha pregato per l’intercessione di Newman a causa di una "gravidanza pericolosa per la vita". I medici che l'hanno curata hanno riferito di non avere alcuna spiegazione per il suo improvviso recupero. Ora Papa Francesco canonizzerà il cardinale beatificato da Papa Benedetto nel 2010.

Newman era un teologo e un santo dei poveri, come ha ricordato Benedetto XVI alla sua beatificazione, di cui si prese cura “durante gli anni spesi nell’Oratorio da lui fondato, visitando i malati ed i poveri, confortando i derelitti, prendendosi cura di quanti erano in prigione. Non meraviglia che alla sua morte molte migliaia di persone si posero in fila per le strade del luogo mentre il suo corpo veniva portato alla sepoltura a mezzo miglio da qui”.

Papa Francesco nello stesso decreto ha riconosciuto anche le virtù eroiche del cardinale Giuseppe Mindszenty, già Arcivescovo di Esztergom e Primate di Ungheria; nato a Csehimindszent (Ungheria) il 29 marzo 1892 e morto a Vienna (Austria) il 6 maggio 1975. Del Cardinale Mindszenty si ricorda il suo incessante lavoro per gli ungheresi nel mondo, ma anche le sofferenze che ha patito a causa della sua stessa chiesa.

Nella guerra del 1945 l’Ungheria divenne un Paese satellite dell'Unione Sovietica e per i comunisti Mindszenty fu un simbolo da abbattere.

Il 26 dicembre 1948 fu prelevato in episcopio dalla polizia ed arrestato. Sottoposto a torture ed umiliazioni. Fu picchiato per giorni, drogato e costretto ad ascoltare oscenità: il tutto per spingerlo a confessare di aver commesso reati contro il regime. Dopo un processo-farsa, l'anno successivo fu condannato all'ergastolo. Sfinito fisicamente, sottoscrisse l'accusa di cospirazione tesa a rovesciare il governo, ma ebbe la lucidità di porre in calce la sigla C.F. (coactus feci, ossia "firmai perché costretto"). L'arresto del cardinale ebbe grande risonanza nelle cronache e fu considerato una prova della natura antireligiosa e oppressiva del comunismo.

Il 6 maggio 1975 morì a Vienna per un arresto cardiaco susseguente ad un intervento chirurgico. Solo dopo la sua morte, Paolo VI procedette alla nomina del nuovo arcivescovo di Strigonio nella persona di László Lékai. Nel 1991 le spoglie di Mindszenty vennero solennemente trasportate da Mariazell a Esztergom, città nella quale fu arcivescovo, per essere tumulate nella cripta della cattedrale di Nostra Signora e di sant'Adalberto. Il 22 ottobre 1996 è stata avviata la causa di canonizzazione. 

Nel decreto pubblicato oggi Papa Francesco ha anche riconosciuto il miracolo attribuito all’intercessione della Beata Maria Teresa Chiramel Mankidiyan, Fondatrice della Congregazione delle Suore della Sacra Famiglia; nata a Puthenchira (India) il 26 aprile 1876 e morta a Kuzhikkattussery (India) l’8 giugno 1926; il martirio del Servo di Dio Salvatore Vittorio Emilio Moscoso Cárdenas, Sacerdote professo della Compagnia di Gesù; nato a Cuenca (Ecuador) il 21 aprile 1846 e ucciso, in odio alla Fede, a Riobamba (Ecuador) il 4 maggio 1897.

Sono state anche riconosciute le virtù eroiche del Servo di Dio Giovanni Battista Zuaboni, Sacerdote diocesano, Fondatore dell’Istituto Secolare Compagnia della Sacra Famiglia; nato a Vestone (Italia) il 24 gennaio 1880 e morto a Brescia (Italia) il 12 dicembre 1939; le virtù eroiche del Servo di Dio Emanuele García Nieto, Sacerdote professo della Compagnia di Gesù; nato a Macotera (Spagna) il 5 aprile 1894 e morto a Comillas (Spagna) il 13 aprile 1974;

Infine le virtù eroiche della Serva di Dio Serafina Formai (al secolo: Letizia), Fondatrice della Congregazione delle Suore Missionarie del Lieto Messaggio; nata a Casola Lunigiana (Italia) il 28 agosto 1876 e morta a Pontremoli (Italia) il 1° giugno 1954; le virtù eroiche della Serva di Dio Maria Berenice Duque Hencker (al secolo: Anna Giulia), Fondatrice della Congregazione delle Suore dell’Annunziazione; nata a Salamina (Colombia) il 14 agosto 1898 e morta a Medellín (Colombia) il 25 luglio 1993.

Ti potrebbe interessare