Paolo VI e Romero, fissata la data di canonizzazione al 14 ottobre

Papa Paolo VI con l'arcivescovo Romero
Foto: Wikimedia Commons
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Paolo VI e l’arcivescovo Oscar Romero, insieme agli altri quattro santi della carità, saranno canonizzati il 14 ottobre 2018, in Vaticano, durante il Sinodo dei vescovi sui giovani. 

Sei nuovi santi per Papa Francesco, le cui date di canonizzazione sono state decise in questo concistoro del 19 maggio. Sei santi che – dice il Cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi presentandone i profili – rappresentano una “immagine della misericordia” che Papa Francesco non si stanca di predicare.

Di Paolo VI viene ricordato in particolare l’aiuto agli ebrei durante la guerra e l’attuazione del Concilio; dell’arcivescovo Romero si ricorda l’atteggiamento di fortaleza assunto nella crisi nel Paese che aveva portato varie violenze.

Paolo VI viene dunque canonizzato durante il Sinodo, così come era avvenuto per la  beatificazione, che ebbe luogo durante il Sinodo speciale sulla famiglia il 19 ottobre 2014. Insieme a lui,  Papa Francesco canonizzerà l’arcivescovo salvadoregno, ucciso due volte, secondo le parole di Papa Francesco

La canonizzazione dell'arcivescovo Romero non sarà dunque in Salvador, come richiesto dal Cardinale Gregorio Rosa Chavez, che del prossimo santo fu segretario e che da Papa Francesco è stato in udienza lo scorso 14 maggio dopo averlo già incontrato il 6 maggio nella parrocchia del Santissimo Sacramento a Tor de’ Schiavi, di cui è arcivescovo titolare.

Il Cardinale Rosa Chavez aveva anche chiesto, a nome dei vescovi del Salvador, che il Papa si fermasse sulla tomba dell’arcivescovo Romero in occasione del viaggio a Panama per la giornata Mondiale della Gioventù.

La canonizzazione di Paolo VI è motivo di festa per la diocesi di Brescia, ma anche per quella di Verona, dove è avvenuto il miracolo che ha fatto decidere per la canonizzazione. Un miracolo ad un feto, come lo fu per la beatificazione, e con caratteristiche tali che caratterizzano Papa Paolo VI come il Papa della Humanae Vitae, l’enciclica che quest’anno compie 50 anni.

Fissata al 14 ottobre anche la canonizzazione di quattro santi della carità: don Francesco Spinelli (1853– 1913), fondatore dell’Istituto delle Suore Adoratrici del Santissimo Sacramento; don Vincenzo Romano (1751-1831), il “prete degli operai”, parroco di Torre del Greco sempre accanto agli ultimi; Maria Caterina Kasper (1820-1898), Vergine, Fondatrice dell’Istituto delle Povere Ancelle di Gesù Cristo; (1889-1943) Nazaria Ignazia di Santa Teresa di Gesù al secolo, Nazaria Ignazia March Mesa, Vergine, Fondatrice della Congregazione delle Suore Misioneras Cruzadas de la Iglesia.

Dal 2013 al 2017, Papa Francesco ha canonizzato complessivamente 885 santi. 880 sono stati proclamati in 12 cerimonie pubbliche: 9 in Vaticano, 3 negli Stati Uniti d’America, nello Sri Lanka e in Portogallo. Altri cinque santi sono stati riconosciuti per equipollenza.

Ti potrebbe interessare