Papa Francesco a Solidarnosc: “Apertura a Dio è solidarietà con chi è privato dei diritti”

Il sindacato polacco compie 40 anni e Papa Francesco li incontra brevemente prima dell’udienza generale

Papa Francesco incontra il comitato direttivo di Solidarnosc
Foto: Twitter
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Solidarnosc compie 40 anni. Ed è per questo che Papa Francesco li incontra in una udienza particolare, prima dell’udienza generale, sottolineando loro che “la sincera ricerca che persone e gruppi compiono per trovare il bene la verità e la giustizia è sempre accompagnato dalla presenza di Dio”.

La presenza del direttivo del sindacato si accompagna anche alla presentazione di una mostra su uno dei membri più illustri del sindacato, il beato Jerzy Popieluszko, che ne fu cappellano. Sacerdote, unitosi al sindacato e grande predicatore anticomunista, fortemente interessato anche alla condizione dei lavoratori siderurgici. La mostra “Il decalogo di padre Jerzy”, promossa dall’ambasciata di Polonia presso la Santa Sede, ne testimonia l’impegno, fino alla morte, avvenuta nel 1984 in maniera violenta per mano di funzionari del governo comunista dopo molti tentativi di ridurlo al silenzio. C’era anche il segretario di Solidarnosc Lech Walesa ai suoi funerali, che radunarono 400 mila persone.

È questa la cornice in cui si inserisce l’udienza di Papa Francesco al direttivo del sindacato, fondato nel 1980 a seguito degli scioperi nei cantieri navali. Prima clandestino, poi fenomeno di massa, il sindacato si affermò perché supportato dal gruppo di intellettuali dissidenti del Comitato di Difesa degli Operai, perché scelse la strada della non violenza e perché fece leva sull’identità cattolica del popolo polacco.

La fondazione di Solidarnosc fu un evento tanto dirompente che Papa Francesco sottolinea che il sindacato autonomo “fu protagonista di cambiamenti politici e sociali nella vostra patria ed ha avuto un ruolo ispiratore anche al di là dei suoi confini”.

Papa Francesco si congratula per il servizio “a favore del bene comune e per i diversi gruppi professionali in Polonia”, ricorda il primo viaggio di San Giovanni Paolo II in Polonia nel 1979, sottolinea che “un segno dell’apertura allo Spirito di Dio è l’atteggiamento di solidarietà con le persone private dei loro inalienabili diritti”.

Papa Francesco sottolinea che la solidarietà è il frutto del dialogo con quanti “sono stati privati del diritto a dignitose condizioni di lavoro, alla giusta ricompensa necessaria al sostegno della famiglia, all’assistenza sanitaria o al riposo”.

Ma per cambiare le strutture ci vuole prima di tutto – dice Papa Francesco – “un cambio di mentalità, delle convinzioni e degli atteggiamenti, a cui vanno educate le giovani generazioni”, altrimenti poi “le stesse nuove strutture non serviranno più al bene comune, ma a gruppi particolari”.

Al termine dell’udienza generale, Papa Francesco ha anche salutato i pellegrini polacchi, e in particolare “gli organizzatori e i partecipanti alla conferenza dedicata al beato padre Popieluszko, che si è svolta all’Università Urbaniana, in apertura della mostra a lui dedicata”.

Vi ringrazio – ha detto Papa Francesco - per il mantenimento della memoria di

questo zelante sacerdote e martire che, barbaramente assassinato dai servizi comunisti, ha dato la vita per l’amore di Cristo, della Chiesa e degli uomini, soprattutto quelli privati della libertà e della dignità”.

 

Ti potrebbe interessare