Papa Francesco alla FAO: “Non dimentichiamo che ciò che sprechiamo è il pane dei poveri”

In un messaggio inviato in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione, Papa Francesco riafferma l’impegno per combattere la fame

Papa Francesco durante il discorso pronunciato alla FAO, Roma, 16 ottobre 2017
Foto: Vatican Media / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

I programmi di sviluppo e l’aiuto umanitario per la lotta alla fame funzioneranno solo quando “la persona umana sarà collocata nel posto che gli spetta”. Papa Francesco lo afferma in un messaggio indirizzato alla FAO, l’agenzia ONU per il cibo e l'agricoltura, in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione.

Tema di quest’anno è “Le nostre azioni sono il nostro futuro. Un’alimentazione sana per un mondo #FameZero”. E c’è anche una speciale enfasi al ruolo delle famiglie. Da sempre, Papa Francesco dà particolare attenzione alla questione della fame nel mondo, e prova ne è che da quando è Papa ha voluto visitare tutte le agenzie ONU per l’agricoltura e l’Alimentazione: è stato all’IFAD (Fondo Internazionale per lo Sviluppo agricolo, due volte alla FAO, e una volta al Programma Alimentare Mondiale. Direttore generale della FAO è da quest’anno il cinese Qu Dongyu, cosa che fa dell’organizzazione anche un naturale ponte per i contatti con la Cina.

Nel suo messaggio, Papa Francesco sottolinea che il cibo “cessa di essere un mezzo di sussistenza per diventare un canale di distruzione personale”, mostra la contraddizione tra 820 milioni affamate che fanno da contraltare a 700 milioni di persone in sovrappeso, non solo tra “i popoli dell’opulenza”, ma anche in Paesi a basso reddito.

L’alimentazione sana diventa un tema centrale, e per questo “è necessaria una conversione del nostro modo di agire”, proprio a partire della nutrizione, perché i frutti del creato “non possono essere ridotti a mero oggetto di uso e dominio”.

Servono, afferma Papa Francesco, “stili di vita ispirati ad una visione riconoscente di ciò che ci viene dato, cercando la temperanza, la moderazione, l’astinenza, il dominio di sé, la solidarietà”.

Papa Francesco nota l’importanza del ruolo della famiglia nel coltivare un nuovo stile di vita, perché “nell’ambito familiare, grazie alla sensibilità femminile e materna, si impara a godere dei frutti della terra senza abusarne e si scoprono gli strumenti migliori per diffondere stili di vita rispettosi del bene personale e collettivo”.

Il Papa sottolinea poi che “è crudele, ingiusto e paradossale che, al giorno d’oggi, ci sia cibo per tutti e non tutti possano accedervi”, mentre ci sono posti dove il cibo viene sprecato.

Per questo, “la lotta contro la fame e la malnutrizione non cesserà finché prevarrà esclusivamente la logica del mercato e si cercherà solo il profitto a tutti i costi, riducendo il cibo a mero prodotto di commercio, soggetto alla speculazione finanziaria e distorcendone il valore culturale, sociale e fortemente simbolico”.

Serve rimettere la persona al centro, perché “non possiamo dimenticare che ciò che accumuliamo e sprechiamo è il pane dei poveri”.

Ti potrebbe interessare