Papa Francesco, il cammino sinodale in Germania è elitario e a rischio ideologico

Sul caso Rupnik il Papa afferma che chi sbaglia deve riparare

Papa Francesco
Foto: Vatican Media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

"Il pericolo è che trapeli qualcosa di molto, molto ideologico. E quando l'ideologia viene coinvolta nei processi ecclesiali, lo Spirito Santo torna a casa perché l'ideologia supera lo Spirito Santo".

Lo dice Papa Francesco a proposito del Cammino Sinodale della Chiesa in Germania in una intervista ad Associated Press. La intervista è stata realizzata in spagnolo, proponiamo una traduzione di lavoro.

Tra i temi trattati la guerra in Ucraina, i rapporti con la Cina, la situazione in America Latina.

A proposito del Sinodo in Germania il Papa dice: "L'esperienza tedesca non aiuta, perché non è un Sinodo, un cammino sinodale serio, è un cosiddetto cammino sinodale, ma non della totalità del popolo di Dio, ma fatto di élite". Il Papa ricorda la lettera che ha scritto e aggiunge. " L'esperienza sinodale tedesca sta iniziando o è iniziata nei vescovadi, come tutti, con il popolo di Dio, e va avanti. Qui il pericolo è che trapeli qualcosa di molto, molto ideologico. E quando l'ideologia viene coinvolta nei processi ecclesiali, lo Spirito Santo torna a casa perché l'ideologia supera lo Spirito Santo". Il Papa si chiede. In che modo vogliano risolvere certe questioni: "risolvi in ​​base a quali criteri? Sulla base della sua esperienza ecclesiale, attingendo dalla tradizione degli apostoli e traducendola nell'oggi, o sulla base di dati sociologici? Qui sta il problema, il problema di fondo. Ma bisogna avere pazienza, dialogare e accompagnare questo popolo nel suo cammino sinodale e aiutare questo cammino più elitario perché non finisca in qualche modo male, ma si integri anche nella Chiesa.  Bisogna sempre cercare di unire".

Una risposta interessante è quella sulla vicenda di padre Marko Rupnik.

Dice il Papa: "Non mi è chiaro, come è andata, perché è stato il tribunale della Compagnia( di Gesù). Ma una cosa che ha fatto il Generale della Compagnia, che io lodo, è che l'istruzione del processo, la parte dell'istruzione, è stata data al responsabile di queste cose legali dei domenicani. L'istruzione è stata fatta dai domenicani. Non discuto su questo. È stata una grande cosa.

La cosa era in corso per un caso che è stato risolto. Non so come, ma è stato risolto nel senso di un comune accordo. Credo che sia stato pagato un risarcimento, ma lì non mi è chiaro l'accordo, ma è stato risolto. Ma nel  frattempo è emerso il caso di 25 o 30 anni fa in Slovenia.  Ci si rende conto di essere di fronte a una persona molto limitata, che però a volte può essere potente. Vedete i grandi dittatori che l'umanità ha avuto che hanno fatto tanti danni, il fascismo, il nazismo, sono limitati, ma il danno lo hanno fatto.

Non è una limitazione che li impedisce, è una limitazione che li rende criminali. E in questo aiuta molto distinguere tra peccato e crimine. I peccati sono sempre perdonati. Siamo tutti peccatori. Ma il reato, sì te lo perdono, ma paghi, ripari il reato. E su questo bisogna essere molto chiari. Ops, ti perdono, non farlo più. No, no, no! Ora riparerai e vedi il modo di riparare. E alcuni devono lasciare lo stato clericale perché non possono continuare in una situazione pastorale di questo tipo.

Il Papa aggiunge che non ha avuto alcun ruolo nelle decisioni sul caso Rupnik: "Che continui con il tribunale normale,(…) non avevo nulla a che fare con questo. L'ho sempre mandato lì ( al tribunale) perché avevo iniziato lì, perché l'hanno finito lì. Dovrò vedere se padre Rupnik fa appello. Perché  deve fare appello qui, ma non l'ha fatto. Se l'appello va alla Dottrina della Fede, si fa il Vaticano.

E poi c'è "sia la presunzione di innocenza che la prescrizione, sono armi legali di garanzia. Io mi prendo cura di loro, (delle vittime). Perché se cominciamo ad uscire da quelle garanzie, già la giustizia diventa molto manipolabile. Non tollero la prescrizione quando c'è un minore coinvolto. Naturalmente, la sollevo subito. In questo caso no, il che non toglie che la persona venga processata. Ma al di fuori di questa accusa che è già prescritta. La prescrizione è una garanzia.

Per me è stata una sorpresa, la verità. Questo, una persona, un artista di questo livello, per me è stata una sorpresa molto grande, e un dolore, perché queste cose fanno male".

 

Ti potrebbe interessare