Papa Francesco raccomanda: "Se scegli Cristo non puoi ricorrere al mago!"

Papa Francesco nell'Udienza Generale odierna raccomanda a tutti di leggere il congedo di Paolo dagli anziani di Efeso negli Atti degli Apostoli

Papa Francesco
Foto: Vatican Media / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il racconto del viaggio degli Apostoli continua nelle catechesi di Papa Francesco. Il Pontefice nell'Udienza Generale odierna in Piazza San Pietro ricorda Paolo ad Efeso. Grazie a Paolo, circa dodici uomini ricevono il battesimo nel nome di Gesù e fanno esperienza dell’effusione dello "Spirito Santo che li rigenera".

"La potenza di Dio che irrompe ad Efeso smaschera chi vuole usare il nome di Gesù per compiere esorcismi ma senza avere l’autorità spirituale per farlo - commenta Papa Francesco - Un vero capovolgimento per una città, come Efeso, che era un centro famoso per la pratica della magia! Luca sottolinea così l’incompatibilità tra la fede in Cristo e la magia. Se scegli Cristo non puoi ricorrere al mago: la fede è abbandono fiducioso nelle mani di un Dio affidabile che si fa conoscere non attraverso pratiche occulte ma per rivelazione e con amore gratuito".

"Forse qualcuno di voi mi dirà che la magia è una cosa antica, ma state attenti, io mi domando quanti di voi vanno a farsi i tarocchi? Vanno a farsi leggere le mani o le carte. Anche oggi nelle grandi città, i cristiani fanno queste cose. Ma come mai se tu credi in Gesù Cristo vai dal mago. Io credo in Gesù Cristo ma vado anche da loro, per favore la magia non è cristiana", dice a braccio il Papa.

Paolo sta per lasciare Efeso e soprattutto chiama gli anziani della Chiesa di Efeso per fare un passaggio di consegne “pastorali”.

"Siamo alle battute finali del ministero apostolico di Paolo e Luca ci presenta il suo discorso di addio", sottolinea il Papa. Il Pontefice consiglia a tutti di leggere la pagina del congedo di Paolo, perchè è "una bellissima pagina" degli Atti degli Apostoli, "un gioiello che ci farà bene a tutti".  Nella parte esortativa, Paolo incoraggia i responsabili della comunità, che sa di vedere per l’ultima volta: "Vegliate su voi stessi e su tutto il gregge". "Il Parroco deve vegliare", dice il Papa a braccio. "I vescovi devono essere vicinissimi al popolo, per difenderlo, non staccati dal popolo", conclude Papa Francesco nella sua catechesi.

Ti potrebbe interessare