Papa Francesco ricorda la misericordia della Chiesa per i matrimoni falliti

Papa Francesco alla recita dell'Angelus
Foto: Aci Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Una concessione che serve a tamponare le falle prodotte dal nostro egoismo, ma non corrisponde all’intenzione originaria del Creatore”. Così Papa Francesco ha commentato nel passo del Vangelo di questa domenica le parole di Gesù “ per la durezza del vostro cuore” riferito alla legge mosaica sul ripudio.

Una riflessione sul matrimonio quella di Papa Francesco prima della preghiera del’ Angelus. “Nel progetto originario del Creatore- dice il Papa- non c’è l’uomo che sposa una donna e, se le cose non vanno, la ripudia. No. Ci sono invece l’uomo e la donna chiamati a riconoscersi, a completarsi, ad aiutarsi a vicenda nel matrimonio”.

Un insegnamento chiaro che implica la fedeltà: “Ciò che consente agli sposi di rimanere uniti nel matrimonio è un amore di donazione reciproca sostenuto dalla grazia di Cristo. Se invece prevale nei coniugi l’interesse individuale, la propria soddisfazione, allora la loro unione non potrà resistere”.

Ma certo l’uomo e la donna “possono dolorosamente porre gesti che la mettono in crisi. Gesù non ammette il ripudio e tutto ciò che può portare al naufragio della relazione. Lo fa per confermare il disegno di Dio, in cui spiccano la forza e la bellezza della relazione umana. La Chiesa, madre e maestra che condivide le gioie e le fatiche delle persone, da una parte non si stanca di confermare la bellezza della famiglia come ci è stata consegnata dalla Scrittura e dalla Tradizione; nello stesso tempo, si sforza di far sentire concretamente la sua vicinanza materna a quanti vivono l’esperienza di relazioni infrante o portate avanti in maniera sofferta e faticosa”.

E conclude il Papa Dio agisce con il suo popolo infedele, “cioè con noi” con “ la misericordia e il perdono. Perciò alla Chiesa, in queste situazioni, non è chiesta subito e solo la condanna. Al contrario, di fronte a tanti dolorosi fallimenti coniugali, essa si sente chiamata a vivere la sua presenza di carità e di misericordia, per ricondurre a Dio i cuori feriti e smarriti”.

Il Papa ha poi ricordato che oggi la Supplica al Santuario di Pompei: “Rinnovo l’invito a pregare il Rosario ogni giorno del mese di ottobre, concludendolo con l’antifona “Sotto la tua protezione” e la preghiera a San Michele Arcangelo, per respingere gli attacchi del diavolo che vuole dividere la Chiesa”.

Un saluto anche per la iniziativa della 1ª Giornata delle Catacombe: “Molti siti saranno aperti al pubblico, con laboratori didattici ed eventi culturali. Ringrazio la Pontificia Commissione di Archeologia Sacra per questa iniziativa ed auguro per essa la migliore riuscita”. Molti i gruppi regionali presenti.

Ti potrebbe interessare