Papa Francesco: “Tutti i peccati nascono dai desideri malvagi”

Papa Francesco, Udienza Generale
Foto: Daniel Ibanez, ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Nell’Udienza Generale odierna Papa Francesco giunge all’ultimo comandamento, “il compimento del viaggio attraverso il Decalogo, toccando il cuore di tutto quello che in esso ci è consegnato”. “Non desidererai la moglie, né alcuna cosa che appartenga al tuo prossimo”. Qual è la funzione di queste parole?

“Viene messo in risalto il fatto – commenta il Pontefice - che tutte le trasgressioni nascono da una comune radice interiore: i desideri malvagi. Tutti i peccati nascono dai desideri malvagi. Il Decalogo si mostra lucido e profondo su questo aspetto: il punto di arrivo del suo viaggio è il cuore, e se questo non è liberato, il resto serve a poco”.

Per il Papa spesso, “dietro la maschera farisaica della correttezza asfissiante si nasconde qualcosa di brutto e di non risolto”. “Dobbiamo invece lasciarci smascherare da questi comandi sul desiderio – raccomanda Papa Francesco - perché ci mostrano la nostra povertà, per condurci a una santa umiliazione”.

Dopo le varie catechesi sui comandamenti il Papa è chiaro: “Il compito della Legge biblica non è quello di illudere l’uomo che un’obbedienza letterale lo porti a una salvezza artefatta e peraltro irraggiungibile. Il compito della Legge è portare l’uomo alla sua verità, ossia alla sua povertà, che diventa apertura autentica e personale alla misericordia di Dio, che ci trasforma e ci rinnova”.

Conclude infine Papa Francesco: “Beati coloro che riconoscono i propri desideri malvagi e con un cuore pentito e umiliato non stanno davanti a Dio e agli uomini come dei giusti, ma come dei peccatori”.

 

 

Ti potrebbe interessare