Pubblicato il rapporto sugli abusi nella diocesi di Monaco-Frisinga

La Santa Sede dichiara che e prenderà visione e potrà opportunamente esaminarne i dettagli

Il Duomo di Monaco
Foto: pd
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“La Santa Sede ritiene di dover dare la giusta attenzione al documento di cui al momento non conosce il contenuto. Nei prossimi giorni, a seguito della sua pubblicazione, ne prenderà visione e potrà opportunamente esaminarne i dettagli. Nel reiterare il senso di vergogna e il rimorso per gli abusi sui minori commessi da chierici, la Santa Sede assicura vicinanza a tutte le vittime e conferma la strada intrapresa per tutelare i più piccoli, garantendo loro ambienti sicuri”. Lo ha dichiarato il direttore della sala Stampa della Santa sede Matteo Bruni dopo che era stato pubblicato a Monaco.

L'arcivescovo Georg Gänswein, segretario particolare del Papa emerito, ha detto ai giornalisti tramite i canali ufficiali vaticani: “Benedetto XVI fino ad oggi pomeriggio non ha conosciuto il rapporto dello Studio legale Westpfahl-Spilker-Wastl, che ha più di 1000 pagine. Nei prossimi giorni esaminerà con la necessaria attenzione il testo. Il Papa emerito, come ha già più volte ripetuto durante gli anni del suo pontificato, esprime il turbamento e la vergogna per gli abusi sui minori commessi dai chierici, e manifesta la sua personale vicinanza e la sua preghiera per tutte le vittime, alcune delle quali ha incontrato in occasione dei suoi viaggi apostolici.”

Il tanto atteso rapporto di abuso dell'arcidiocesi di Monaco e Frisinga è stato pubblicato. Tra le altre cose, è stata indagata una possibile cattiva condotta dell'ex arcivescovo e oggi Papa emerito, il cardinale Joseph Ratzinger, nonché dell'arcivescovo in carica, il cardinale Reinhard Marx.

Come riporta CNA La prima sorpresa è arrivata proprio all'inizio della conferenza stampa. Oltre alla moderatrice Barbara Leyendecker, si sono presentati alla stampa gli esperti dello studio legale incaricato Marion Westpfahl, Ulrich Wastl e Martin Pusch. Mancava però una persona: l'arcivescovo in carica di Monaco e Frisinga, il cardinale Reinhard Marx.

Il moderatore Leyendecker ha annunciato che Marx aveva "deciso di non partecipare", ma senza spiegare le possibili ragioni.

Marion Westpfahl ha aggiunto che il cardinale era stato "espressamente" invitato a partecipare alla conferenza stampa. Tuttavia, non ha accettato questo invito. "Siamo profondamente dispiaciuti per la sua assenza", ha detto Westpfahl.

Sono state esaminate in totale 261 persone accusate di abusi nell'area di responsabilità dell'arcidiocesi di Monaco e Frisinga tra il 1945 e il 2019, "qualcosa è stato trovato" in 235 casi.

Tra questi, secondo gli esperti, un totale di 173 sacerdoti sarebbero stati colpevoli, e poi nove diaconi, cinque agenti pastorali e 48 persone di altri gruppi professionali, come servizio scolastico.

Complessivamente, gli esperti del WSW ipotizzano 497 "vittime". Martin Pusch (WSW) ha sottolineato che questi numeri potrebbero non riflettere "l'intero quantità". A suo avviso, il numero di casi non denunciati è più alto.

La maggior parte delle vittime sono uomini (247), 182 delle vittime sono donne e in 68 casi non è stato possibile confermare il sesso. 

Il 60 per cento delle vittime maschi aveva un'età compresa tra gli otto ei 14 anni al momento dei presunti crimini. Tra le vittime donne, un terzo sono minorenni.

Martin Pusch ha spiegato di voler "sottolineare particolarmente" che il Papa emerito Benedetto XVI ha "ampiamente" risposte alle domande. La sua dichiarazione di 82 pagine ha fornito agli esperti uno " sguardo autentico".

In tutto erano quattro i casi in cui secondo gli esperti, Ratzinger avrebbe agito in modo scorretto. Da un lato, si trattava di due casi in cui due sacerdoti, ciascuno dei quali era stato condannato per abusi dallo Stato, continuavano a lavorare nella pastorale senza essere perseguiti secondo il diritto canonico.

In un altro caso, l'arcidiocesi, guidata da Ratzinger, ha assunto un sacerdote che era "già stato condannato da un tribunale non tedesco".

Gli esperti erano anche convinti che il cardinale Ratzinger, in qualità di arcivescovo di Monaco e Frisinga, fosse anche a conoscenza del caso del sacerdote Peter H., che, in quanto condannato per molestie nell'arcidiocesi, aveva avuto una nuova ricaduta. Gli esperti non hanno potuto presentare prove che il cardinale Ratzinger conoscesse la storia di Peter H., ma secondo l'esperto Ulrich Wastl era "prevalentemente probabile".

Tuttavia, Papa Benedetto lo nega ancora oggi e ha affermato di poter fare riferimento alla sua "eccellente memoria a lungo termine".

Gli esperti accusano l'attuale arcivescovo di Monaco e Frisinga, il cardinale Reinhard Marx, di due casi di cattiva condotta. Marx non ha intrapreso alcuna azione per avvicinare le vittime degli abusi e fornire loro ulteriore aiuto. Ha agito anche illegalmente: Marx non ha denunciato i casi alla Congregazione per la Dottrina della Fede di Roma.

Tuttavia, secondo gli esperti, nella sua dichiarazione ha sottolineato che, a suo avviso, la responsabilità principale del trattamento di tali casi spetta all'Ordinario e al Vicariato generale. Se non adempiva ai loro  doveri, sentiva solo una "responsabilità morale".

L'avvocato Pusch ha commentato che Marx aveva sottolineato che come arcivescovo si riteneva il principale responsabile della "proclamazione della Parola di Dio".

Tuttavia, gli esperti "non condividono pienamente" questa valutazione. Secondo l'avvocato, il ragionamento di Marx è insufficiente quando definisce la competenza e la responsabilità ai funzionari sotto la sua autorità. 

Piuttosto, “certi cambiamenti”nella gestione degli abusi da parte del cardinale Marx ci sarebbero solo dal 2018.

Come riportato da CNA Deutsch, nel giugno dello scorso anno Marx ha presentato al Papa, che le ha respinte, le sue dimissioni e non ha escluso di poterlo fare di nuovo.

È stato anche esaminato il comportamento dei predecessori del cardinale Marx. Nel caso del cardinale Friedrich Wetter (1982-2008) è stata riscontrata una cattiva condotta in 21 casi. A parte poche eccezioni, Wetter aveva fatto troppo poco per chiarire la questione e aveva trascurato di prendersi cura delle vittime.Con l'eccezione di un caso, Wetter aveva negato la sua colpevolezza.

Anche gli ex e ora defunti arcivescovi Michael von Faulhaber (quattro casi), Joseph Wendel (otto casi) e Julius Döpfner (14 casi) sono accusati di cattiva condotta nell'affrontare i casi di abuso.

Nel presentare la relazione, gli esperti hanno sottolineato il ruolo del funzionario ad interim dell'arcidiocesi, il prelato Lorenz Wolf. Nel recente passato, la sua cattiva condotta poteva essere provata in 12 casi.

Wolf è stato l'unico degli interrogati per il rapporto che ha rifiutato di rilasciare una dichiarazione. Sebbene, come hanno notato i rappresentanti dello studio legale, si sia presentato ai media come un illuminatore, è stato "negativo" e "privo di empatia" nelle conversazioni con le presunte vittime.

Wolf accusava spesso le persone colpite di "mancanza di credibilità" e dava l'impressione che la protezione dei sacerdoti accusati fosse la sua priorità.

Gli osservatori vedono un parallelo in questo con il rapporto WSW a Colonia, che è accessibile solo in misura limitata a causa delle stesse preoccupazioni legali. L'arcivescovo di Colonia, il cardinale Rainer Maria Woelki, ha poi commissionato un nuovo rapporto, che è stato pubblicato integralmente nel marzo dello scorso anno. 

In una conferenza stampa L'arcivescovo di Monaco e Frisinga, cardinale Reinhard Marx, ha reagito questa sera alla pubblicazione del verbale di abuso con una dichiarazione, che lo ha anche incriminato in due casi. L'arcivescovo ha detto di essere "scioccato e pieno di vergogna ".

Tuttavia, Marx non ha commentato le accuse mosse contro di lui dagli esperti, comprese le critiche secondo cui aveva agito illegalmente. Al contrario, ha sottolineato il ruolo del controverso "percorso sinodale" come mezzo per affrontare la crisi degli abusi.

Aggiornato alle 17.32 

Ti potrebbe interessare