Santa Sede all'Onu: "La violenza sulle donne nelle aree di guerra è una litania terribile"

Donne in aree di Guerra
Foto: Sito ONU
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“L'anno recente è stato caratterizzato da atrocità sul tema della violenza sessuale, nuove e in corso, nei vari conflitti e da gruppi come Boko Haram e come il cosiddetto Stato islamico dell'Iraq e al-Sham (ISIS)”. Si sono verificati “attacchi contro donne e ragazze semplicemente a causa della fede che professano” e questo rappresenta un fatto “molto grave” e fonte di “preoccupazione per i cristiani di oggi”; bisogna non solo “condannare e affrontare tali fatti odiosi, ma anche fare un passo in avanti per proteggere le persone minacciate”.

Pubblicato questa mattina l’intervento dell’Arcivescovo Bernardito Auta, Nunzio Apostolico e Osservatore permanente della Santa Sede presso il Consiglio di Sicurezza dell’Onu, pronunciato in occasione del dibattito su “Women Peace Security” del 15 aprile scorso.

Nelle parole dell’Arcivescovo la condanna della Santa Sede per la “piaga del traffico del traffico degli esseri umani” e per il “trauma” dello “stupro come strumento di guerra”: “Per adattare un'osservazione fatta da Sua Santità – ha detto il Nunzio - , un calo di due punti nel mercato azionario è notizia da prima pagina, mentre la violazione di centinaia o addirittura migliaia di donne dovrebbe essere non riportata”.

“La violenza sessuale di molti tipi accompagna la guerra moderna” , ha commentato l’Arcivescovo, e crea una “litania terribile”: “le donne sono violentate e vittime della tratta, costrette a prostituirsi per guadagnarsi da vivere, terrorizzate singolarmente e nel loro ruolo di protettici dei loro figli e degli altri membri della famiglia vulnerabili. Ogni violenza contro la vita umana è terribile, ma la violenza sessuale è stato progettata per svilire, disumanizzare, demoralizzare,  in un modo unico. Le conseguenze sono profonde e di lunga durata, sia fisica che psicologica. L'odio e l'umiliazione che questi crimini possono provocare sono profondi, e sicuramente impediscono in modi potente gli obiettivi della pace e della sicurezza”.

“Le donne non sono risparmiate dalle conseguenze brutali della guerra e sono inoltre soggette ad attacchi degradanti e traumatizzanti e a conseguenze a lungo termine. E 'solo giusto e ragionevole che la loro voce debba essere presente e influente nel lavoro di prevenzione e risoluzione della violenza e della guerra”, ha detto con forza.

 “Sosteniamo gli sforzi per portare i servizi legali, medici e sociali adeguati alle particolari donne colpite, ai testimoni e sopravvissuti e ai loro familiari”, ha detto ancora l’Arcivescovo, che ha ribadito come la Chiesa Cattolica, che ha una presenza capillare nelle zone di guerra, e la  “una rete di istituzioni e agenzie cattoliche rispondono rapidamente ed efficacemente per affrontare le conseguenze della violenza nei conflitti armati”.

Ti potrebbe interessare