Sinodo, far scoprire "il vero volto della Chiesa: una casa ospitale"

Lettera ai sacerdoti del Cardinale Mario Grech, Segretario Generale del Sinodo dei Vescovi, e dell’Arcivescovo Lazzaro You Heung-sik, Prefetto della Congregazione per il Clero

Il Cardinale Grech, Segretario Generale del Sinodo dei Vescovi, con il Papa
Foto: Vatican Media - ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

In occasione della Solennità di San Giuseppe, il Cardinale Mario Grech, Segretario Generale del Sinodo dei Vescovie l’Arcivescovo Lazzaro You Heung-sik, Prefetto della Congregazione per il Clero, hanno scritto una lettera ai sacerdoti di tutto il mondo circa il loro contributo al percorso sinodale.

Secondo i due presuli “il mondo di oggi ha urgente bisogno di fraternità” ed è necessario evitare – come insegna il Papa - “il formalismo che riduce il Sinodo ad uno slogan vuoto, l’intellettualismo, che fa del Sinodo una riflessione teorica sui problemi e l’immobilismo, che ci inchioda alla sicurezza delle nostre abitudini perché nulla cambi”.

Il porporato e l’Arcivescovo invitano pertanto a “fare di tutto perché il cammino poggi sull’ascolto e sulla via della Parola di Dio; adoperarci perché il cammino si contraddistingua per il reciproco ascolto e la reale accoglienza; aver cura che il cammino non ci porti all’introspezione ma ci stimoli ad andare incontro a tutti”, scoprendo “sempre più l'uguaglianza fondamentale di tutti i battezzati e di stimolare tutti i fedeli a partecipare attivamente al cammino e alla missione della Chiesa”.

Bisogna dunque mettersi in cammino "insieme, nell’ascolto reciproco, nella condivisione di idee e progetti, per far vedere il vero volto della Chiesa: una casa ospitale, dalle porte aperte, abitata dal Signore e animata da rapporti fraterni”.

Ti potrebbe interessare