Terremoto, il monastero delle clarisse di Camerino è inagibile

Camerino, danni al monastero
Foto: ingegneri.info
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Le clarisse di Camerino, colpite dal terremoto del 24 agosto e del 26 e 30 Ottobre, sono ormai tra gli sfollati. Infatti il loro monastero, a causa delle numerose scosse, è stato dichiarato inagibile.

Le suore di Camerino hanno voluto inviare una lettera per raccontare la loro attuale situazione: “Abbiamo già inoltrato la richiesta di un “modulo abitativo” per poter ritornare a Camerino e seguire tutte le pratiche e i successivi lavori di ricostruzione che richiederanno, senz’altro, tempi lunghissimi”, scrivono.  

“Purtroppo, però, al momento – continuano nella lettera - il Monastero è inserito nella zona rossa: quella completamente interdetta a chiunque eccetto le forze dell’ordine. Per questo il nostro ritorno sarà possibile solo quando verrà ritirata l’ordinanza. Nonostante questo rimane vivo e forte il nostro desiderio di essere lì, con tutti loro, appena questo sarà reso possibile, per essere un segno di preghiera, di speranza e di abbandono totale nelle mani del Padre; essere lì per testimoniare, pur con tutta la nostra fragilità, che è proprio vero: “Il Signore non abbandona il Suo popolo perché Egli è il Dio fedele!”.

Le suore infatti si sentito camerinesi a tutti gli effetti e vogliono stare vicino alla loro gente, proprio nel momento più difficile.

“L’esilio – scrivono ancora a chi ha chiesto di loro - la distruzione della propria casa, delle amate chiese e infine delle attività commerciali, con il disagio economico che questo comporta per tutti. Vogliamo viverlo insieme a loro, ai nostri amici che non hanno più niente e sperimentano la “disperazione”, cioè la vera e propria mancanza di speranza di risorgere dalle macerie. Lo vivremo con loro, tra le lacrime e in ginocchio, con la consapevolezza che la ricostruzione di un’intera città sarà molto dura e faticosa per tutti”.

“Vi chiediamo – concludono le clarisse -  di esserci ancora vicini con la preghiera e con quel grande affetto che da sempre siete stati capaci di regalarci e dimostrarci. A quanti ci chiedono di che cosa abbiamo bisogno rispondiamo con semplicità che ci sarebbero utili indumenti invernali tipo maglie di lana girocollo, calzamaglie-fuseaux e pigiami taglie comode”.

Per chi volesse dare anche un piccolo aiuto economico:

IBAN: IT77 H030 6968 83000 000 000 1032

intestato a Monastero S. Chiara – Camerino

presso Banca Intesa – agenzia di Camerino

oppure: CCP 17194606, intestato a Monastero S. Chiara – Camerino

Ti potrebbe interessare