Abusi, sei anni di carcere in primo grado per il Cardinale Pell

Il Cardinale George Pell
Foto: Alexey Gotovskiy/CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Sei anni di carcere. E’ la pena inflitta in primo grado dalla magistratura australiana nei confronti del Cardinale George Pell riconosciuto colpevole di abusi sessuali su minori.

L’ex Prefetto della Segreteria per l’Economia si è sempre dichiarato innocente e il suo legale - che ha lasciato l’incarico denunciando che contro Pell è stata emessa una “sentenza malvagia” - ha annunciato ricorso. Pell - 77 anni - dovrà rimanere in carcere per 3 anni e 8 mesi, alla scadenza di quel termine potrà presentare domanda di libertà su cauzione.

Pell era presente in aula alla lettura della sentenza, poi è stato riportato nel penitenziario di Melbourne dove è recluso in isolamento.

Nei giorni scorsi intanto la Santa Sede ha confermato l’apertura del procedimento canonico da parte della Congregazione per la Dottrina della Fede nei confronti del Cardinale Pell.

E dopo aver ribadito l’impegno della Chiesa per la verità e la giustizia nei confronti delle vittime, nei giorni scorsi l’Arcivescovo di Sydney Fisher - Vicepresidente della Conferenza Episcopale Australiana - ha invitato “le persone a non trarre conclusioni definitive finché i giudici d’appello non avranno avuto l’opportunità di riesaminare la questione”.

Ti potrebbe interessare