CEI: "Il vero diritto da custodire è la difesa della vita"

Messaggio dei Vescovi italiani: nuova condanna contro aborto ed eutanasia. "Mettere termine a un’esistenza non è mai una vittoria, né della libertà, né dell’umanità, né della democrazia"

Il Cardinale Bassetti, Presidente della CEI, con il Papa
Foto: Daniel Ibanez CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

"Il nostro pensiero va alle nuove generazioni e agli anziani. Le prime, pur risultando tra quelle meno colpite dal virus, hanno subito importanti contraccolpi psicologici, con l’aumento esponenziale di diversi disturbi della crescita; anche le giovani famiglie hanno avuto ripercussioni negative dalla crisi pandemica, come dimostra l’ulteriore picco della denatalità raggiunto nel 2020-2021, segno evidente di crescente incertezza". Lo afferma la Conferenza Episcopale Italiana nel messaggio diffuso per la prossima Giornata per la Vita, in calendario il 6 febbraio 2022.

"Tra le persone anziane, vittime in gran numero del Covid-19, non poche si trovano ancora oggi - sottolineano i Vescovi - in una condizione di solitudine e paura, faticando a ritrovare motivazioni ed energie per uscire di casa e ristabilire relazioni aperte con gli altri. Quelle poi che vivono una situazione di infermità subiscono un isolamento anche maggiore, nel quale diventa più difficile affrontare con serenità la vecchiaia. Nelle strutture residenziali le precauzioni adottate per preservare gli ospiti dal contagio hanno comportato notevoli limitazioni alle relazioni, che solo ora si vanno progressivamente ripristinando".

"Sin dai primi giorni della pandemia - osserva la Cei - moltissime persone si sono impegnate a custodire ogni vita, sia nell’esercizio della professione, sia nelle diverse espressioni del volontariato, sia nelle forme semplici del vicinato solidale. Alcuni hanno pagato un prezzo molto alto per la loro generosa dedizione. A tutti va la nostra gratitudine e il nostro incoraggiamento: sono loro la parte migliore della Chiesa e del Paese; a loro è legata la speranza di una ripartenza che ci renda davvero migliori".

In questo quadro - prosegue il testo dei Vescovi - si è tornati a parlare della "riaffermazione del diritto all’aborto" e della "prospettiva di un referendum per depenalizzare l’omicidio del consenziente vanno nella medesima direzione. Il vero diritto da rivendicare è quello che ogni vita, terminale o nascente, sia adeguatamente custodita. Mettere termine a un’esistenza non è mai una vittoria, né della libertà, né dell’umanità, né della democrazia: è quasi sempre il tragico esito di persone lasciate sole con i loro problemi e la loro disperazione. La risposta che ogni vita fragile silenziosamente sollecita è quella della custodia. Come comunità cristiana facciamo continuamente l’esperienza che quando una persona è accolta, accompagnata, sostenuta, incoraggiata, ogni problema può essere superato o comunque fronteggiato con coraggio e speranza".

Ognuno si impegni - conclude la Cei - "seriamente a custodire ogni vita. Potremo così affermare che la lezione della pandemia non sarà andata sprecata".

Ti potrebbe interessare