Concluso il Consiglio permanente CEI, l'ultimo dell'era Bassetti

Il Presidente a maggio lascerà la guida della Conferenza Episcopale Italiana

Il Consiglio permanente CEI
Foto: CEI
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

I Vescovi italiani ribadiscono la disponibilità all’accoglienza dei profughi ucraini e invocano un iter veloce di riconoscimento della protezione temporanea. Lo ha detto oggi a Roma il Segretario Generale della CEI Monsignor Stefano Russo, al termine del Consiglio permanente di primavera.

Una delegazione di Vescovi italiani - ha aggiunto Monsignor Russo - è pronta a recarsi nelle zone di confine dell'Ucraina per "manifestare la solidarietà della Chiesa che è in Italia alla Chiesa ucraina".

"Bisognerebbe arrivare ad un disarmo totale e generalizzato. Cosa che in questo momento purtroppo non sta avvenendo, il mercato delle armi alimenta le guerre come ha sottolineato con forza il Papa e bisognerebbe che tutte le nazioni si decidano in questa direzione, altrimenti ci troveremo sempre di fronte al pericolo che queste crisi possano scoppiare", ha concluso Monsignor Russo.

"I Vescovi del Consiglio Permanente - si legge nel comunicato finale - hanno approfondito il tema dell’accoglienza dei profughi, in maggioranza donne e minori, sollecitati dalla testimonianza del direttore di Caritas Italiana, don Marco Pagniello, che ha guidato una delegazione al confine con l’Ucraina, in Romania, Moldavia e Polonia per manifestare la solidarietà della Chiesa che è in Italia. Proprio mentre erano in corso i lavori del Consiglio Permanente, centinaia di cittadini ucraini sono arrivati nel nostro Paese, grazie ai voli umanitari organizzati da Caritas Italiana in collaborazione con Solidaire e il supporto di Open Arms, e presi in carico da una ventina di Caritas diocesane. Mentre si è apprezzata la scelta di un’accoglienza diffusa sul territorio e l’impegno di famiglie, parrocchie e istituti religiosi, comunità greco-cattoliche ucraine, con il coordinamento delle Caritas e il sostegno della Migrantes, in collaborazione con le Prefetture e la Protezione civile, è stato auspicato un iter veloce di riconoscimento della protezione temporanea, per permettere l’inserimento nel mondo del lavoro e l’autonomia, la partecipazione degli alunni alla vita scolastica – in Italia o attraverso il collegamento con le scuole in Ucraina – la tutela sanitaria, la mobilità nel territorio europeo".

Cammino sinodale, lotta agli abusi - attivati i centri di ascolto in 140 diocesi - e un report sui Tribunali Ecclesiastici nonchè un punto su “Mediterraneo frontiera di pace” sul prossimo CongressoEucaristico Nazionale, gli altri temi affrontati dai vescovi.

Quello che si è appena concluso è stato l'ultimo Consiglio permanente presieduto dal Cardinale Bassetti che il 7 aprile compirà 80 anniIl suo successore sarà designato nel corso della prossima Assemblea Generale fissata a maggio.

Ti potrebbe interessare