Consiglio dei Cardinali: la guerra in Ucraina, il clima e la "Predicate Evangelium"

Il 25 aprile 2022, alla presenza del Papa, è iniziata la 41ma sessione del Consiglio dei Cardinali, la prima dopo la pubblicazione della "Predicate Evangelium". Ecco i temi

San Pietro
Foto: Archivio ACI Stampa
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il 25 aprile 2022, alla presenza del Papa, è iniziata la 41ma sessione del Consiglio dei Cardinali, la prima dopo la pubblicazione della Predicate Evangelium. 

La Sala Stampa della Santa Sede con un comunicato fa sapere che all’incontro erano presenti i Cardinali Giuseppe Bertello, Oscar A. Rodriguez Maradiaga, S.D.B, Reinhard Marx, Sean Patrick O’Malley, O.F.M. Cap., Osvald Gracias, Fridolin Ambongo Besungu, O.F.M. Cap., insieme al Segretario del Consiglio, Monsignor Marco Mellino. Assente il Cardinale Pietro Parolin per impegni istituzionali in Messico.

Dopo la preghiera, il Cardinale Oscar Maradiaga, Coordinatore del Consiglio, ha rivolto un saluto al Santo Padre e ai membri.

La nota racconta i temi affrontati nel dettaglio. "Si è aperta la riflessione in merito alla guerra in Ucraina e la conseguente situazione sociopolitica, ecclesiale ed ecumenica. Il Santo Padre ha riferito delle diverse iniziative intraprese da lui, dal Segretario di Stato e dalla Segreteria di Stato per perseguire la pace. Ne è seguito un momento di riflessione tra Membri i quali hanno sostenuto e incoraggiato il Santo Padre nella sua instancabile attività per la soluzione del conflitto in atto. A seguire ogni Cardinale ha presentato la situazione sociopolitica ed ecclesiale del proprio Continente di provenienza approfondendo temi quali: pace, salute, povertà, situazione politiche fragili e problemi pastorali delle Chiese locali", riporta la nota.

Nella sessione mattutina di martedì 26 il Consiglio ha discusso il tema del cambiamento climatico e la COP27 che si terrà in Egitto a novembre 2022. "Attorno alla domanda “Possiamo noi, come Chiesa, insieme ad altre Confessioni e Religioni, dare voce a queste preoccupazioni?”, il Card. Fridolin Ambongo Besungu ha argomentato analizzando la situazione mondiale, le necessità e le aspettative nei confronti della COP26 Glasgow, con uno sguardo speciale alle preoccupazioni dei Paesi poveri dell’Asia, America Latina, Africa e Oceania", dice ancora la nota.

"Nella sessione pomeridiana del 26 il Consiglio ha proseguito lo studio, iniziato nella sessione dello scorso febbraio, sul tema della donna nella Chiesa, con una relazione, in prospettiva pastorale, tenuta da Suor Laura Vicuña, indigena dell’Amazonia (Brasile) e appartenente ad una Congregazione della Famiglia Francescana. È seguito un dibattito fra i membri del Consiglio e la relatrice", riporta la Sala Stampa della Santa Sede.

Nella sessione di mercoledì 27 è continuata la riflessione sul tema del Servizio Diplomatico della Santa Sede, del ruolo e delle attività dei Nunzi Apostolici, introdotta da una relazione del Card. Osvaldo Gracias, seguita da un dibattito fra i partecipanti. Ultimo tema affrontato sono state le indicazioni per l’implementazione della Costituzione Apostolica Predicate Evangelium nella Curia Romana, suggerendo un possibile processo di azioni che accompagnino l’implementazione della nuova legislazione e che preveda altresì la valutazione dei passi conseguiti e le sfide da assumere. Questi gli ultimi temi riportati sempre dallo stesso comunicato.

La riunione è terminata ieri con la preghiera del Regina Coeli; il prossimo appuntamento è fissato per il mese di giugno di quest’anno.

Ti potrebbe interessare