Ecco come avrà luogo il Concistoro in tempo di pandemia

No alle visite di calore, numero ridotto di cardinali presenti per via delle restrizioni sanitarie, nessun gesto di pace: le novità del Concistoro 2020

Un Concistoro del passato
Foto: Archivio CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Come anticipato da ACI Stampa, la celebrazione del Concistoro del 28 novembre 2020 sarà modificata a causa delle restrizioni da coronavirus. Non solo due delle nuove "berrette rosse" non saranno presenti (il Papa nominerà poi un suo rappresentante per consegnare la berretta, l'anello e la Bolla con il titolo). I cardinali non faranno l'abbraccio della pace. Non ci saranno le visite di calore, che era il momento in cui il Palazzo Apostolico si apriva per permettere a tutti di salutare i nuovi porporati. E la celebrazione si terrà all'altare della Cattedra, e non sull'Altare della Confessione, come di consueto. 

I due nuovi cardinali assenti sono il vescovo Cornelius Sim, vicario apostolico del Brunei, e l'arcivescovo José F. Advincula di Capiz (Filippine), bloccati in patria dalla situazione sanitaria. È invece presente l'arcivescovo di Santiago del Cile Celestino Aos, arrivato da tempo a Roma proprio per poter fare la quarantena ed essere presente alla celebrazione. Comunque, specifica la Sala Stampa della Santa Sede, "i membri del Collegio Cardinalizio impossibilitati a raggiungere Roma potranno unirsi alla Celebrazione, partecipandovi da remoto dalla propria sede, tramite una piattaforma digitale che permetterà loro il collegamento con la Basilica Vaticana"

Il Concistoro per la creazione dei nuovi cardinali si terrà alle 16 del 28 novembre, all'altare della Cattedra, e sempre all'Altare della Cattedra il Papa celebrerà la Messa del 29 novembre, alle 10. Ma a concelebrare non saranno più tutti i cardinali presenti al concistoro, ma solo i cardinali di nuova creazione.

La Sala Stampa della Santa Sede ha fatto sapere anche che "in considerazione delle disposizioni sanitarie attualmente in vigore a motivo della pandemia da Covid-19, non si svolgeranno le consuete visite di cortesia", e che "le celebrazioni del Concistoro non avranno la forma della Cappella papale e avverranno con una partecipazione molto limitata di popolo (fedeli laici, persone consacrate, presbiteri e Vescovi)".

Per questo, potranno partecipare alle celebrazioni solo quelli che accompagnano i cardinali di nuova creazione. Saranno un centinaio. Oltre a loro, partecipano i cardinali di antica e nuova creazione, come di consueto. Non saranno comunque tutti, e ci saranno molte defezioni, proprio per via delle restrizioni o difficoltà dei viaggi.

La sede del Papa per il concistoro sarà davanti l'Altare della Cattedra. I Cardinali di nuova creazione, in presbiterio, saranno collocati su due file, ai lati dell’Altare, a destra a sinistra del Santo Padre. Arriveranno al presbiterio in processione, accompagnati dai loro segretari. 

Continua la Sala Stampa della Santa Sede: "All’inizio della celebrazione il primo dei nuovi Cardinali, il Cardinale Mario Grech, rivolge il saluto al Santo Padre. La celebrazione si svolge come di consueto. Solo l’abbraccio di pace tra i Cardinali viene omesso. Di conseguenza dopo il rito di creazione, i nuovi Cardinali tornano al loro posto in presbiterio". 

Quindi, "i Cardinali di nuova creazione, per i riti di imposizione della berretta, consegna dell’anello e assegnazione del Titolo, vengono davanti al Santo Padre, muovendosi in modo alternato da sinistra e da destra, guardando l’Altare. Al termine della celebrazione, il Santo Padre, insieme con i nuovi Cardinali e i loro segretari, esce processionalmente, passando per la cappella di San Giuseppe, e rientra in sagrestia."

Ti potrebbe interessare