Gerusalemme, veglia per la pace alla vigilia di Pentecoste

L'Arcivescovo Pizzaballa
Foto: Patriarcato Latino di Gerusalemme
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“In questi giorni assistiamo all’ennesima esplosione di odio e violenza, che sta insanguinando ancora una volta la Terra Santa. La vita di tanti giovani ancora una volta è stata spenta e centinaia di famiglie piangono sui loro cari, morti o feriti. Ancora una volta, come in una sorta di circolo vizioso, siamo costretti a condannare ogni forma di violenza, ogni uso cinico di vite umane e di violenza sproporzionata. Ancora una volta siamo costretti dalle circostanze a chiedere e gridare per la giustizia e la pace!”. Lo scrive l’Arcivescovo Pierbattista Pizzaballa, Amministratore Apostolico di Gerusalemme dei Latini. 

Pertanto il presule lombardo invita i cristiani del Patriarcato “ad unirsi in preghiera per la Terra Santa, per la pace di tutti i suoi abitanti, per la pace di Gerusalemme, per tutte le vittime di questo interminabile conflitto. Dobbiamo pregare di più per la pace e per la nostra conversione, e per quella di tutti”.

La veglia per la pace sarà celebrata nella Chiesa di St. Etienne, a Gerusalemme, sabato prossimo, vigilia della Solennità di Pentecoste.

Monsignor Pizzaballa invoca lo Spirito di Santo “affinché cambi il nostro cuore per meglio comprendere la Sua volontà e darci la forza di continuare ad operare per la giustizia e la pace!”.

Ieri, nel corso dell'udienza generale, Papa Francesco ha lanciato un nuovo appello per la pace in Medio Oriente e in particolare per Gerusalemme.

Anche gli Ordinari di Terra Santa hanno ribadito la propria posizione, in linea con la Santa Sede, sulla necessità di rendere Gerusalemme città aperta a tutti i popoli. Nulla impedisce - sostengono - alla città di essere la capitale di Israele e della Palestina, "ma ciò dovrebbe avvenire attraverso la negoziazione e il rispetto reciproco".

Ti potrebbe interessare