Il Papa ai giovani. “No schiavi di un cellulare, ma cambiate il mondo come Maria"

"Un pensiero e un abbraccio speciale vorrei rivolgere ai giovani – grazie di essere venuti numerosi oggi!", dice il Papa ad Asti

Il Papa ad Asti
Foto: Daniel Ibanez / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Al termine della celebrazione della Messa nella Cattedrale di Asti Papa Francesco guida la preghiera dell’Angelus. “Desidero esprimere la mia riconoscenza alla Diocesi, alla Provincia e alla Città di Asti: grazie per l’accoglienza calorosa che mi avete riservato! Sono tanto grato alle Autorità civili e religiose anche per i preparativi che hanno reso possibile questa desiderata visita. A tutti vorrei dire che a la fame propri piasi’ encuntreve! [mi ha fatto piacere incontrarvi]; e augurarvi: ch’a staga bin! [state bene!]”.

“Un pensiero e un abbraccio speciale vorrei rivolgere ai giovani – grazie di essere venuti numerosi oggi! –. Dallo scorso anno, proprio nella Solennità di Cristo Re si celebra nelle Chiese particolari la Giornata Mondiale della Gioventù. Il tema, lo stesso della prossima GMG di Lisbona, a cui rinnovo l’invito a partecipare, è «Maria si alzò e andò in fretta» (Lc 1,39). La Madonna fece questo quand’era giovane, e ci dice che il segreto per rimanere giovani sta proprio in quei due verbi, alzarsi e andare. Alzarsi e andare: non restare fermi a pensare a sé stessi, sprecando la vita a inseguire le comodità o l’ultima moda, ma puntare verso l’Alto, mettersi in cammino, uscire dalle proprie paure per tendere la mano a chi ha bisogno. E oggi ci vogliono giovani veramente “trasgressivi”, non conformisti, che non siano schiavi di un cellulare, ma cambino il mondo come Maria, portando Gesù agli altri, prendendosi cura degli altri, costruendo comunità fraterne con gli altri, realizzando sogni di pace!”.

La Giornata mondiale della gioventù viene celebrata a livello diocesano nella solennità di Cristo Re. Lo aveva annunciato Papa Francesco il 22 novembre 2020, nella Basilica di San Pietro, al termine della Messa, dopo aver salutato i giovani di Panama e del Portogallo presenti per il passaggio della Croce e dell’icona di Maria Salus Populi Romani, “simboli delle Gmg".

“Il nostro tempo sta vivendo una carestia di pace: pensiamo a tanti luoghi del mondo flagellati dalla guerra, in particolare alla martoriata Ucraina. Diamoci da fare e continuiamo a pregare per la pace! E invochiamo ora la Regina della pace, la Madonna, a cui è dedicata questa bella Cattedrale”, conclude così il Papa la preghiera mariana. Il Papa ricorda anche le vittime dell’incendio in un campo profughi della Palestina, dove sono morti anche molti bambini.

Dopo la recita dell’Angelus e la benedizione finale,  Papa Francesco raggiunge l’Episcopio per il pranzo. Nel pomeriggio si trasferisce in auto allo Stadio Comunale Censin Bosia di Asti, da dove – alle ore 16:00 circa – parte per far rientro in Vaticano.

 

 

Ti potrebbe interessare