L'arcivescovo Gądecki, il rapporto Matić va contro l'idea dei fondatori dell' Europa unita

La relazione Matić presuppone l'accesso universale all'aborto, e va contro la cultura della vita

L'arcivescovo Stanisław Gądecki, Presidente della Conferenza Episcopale Polacca.
Foto: Conferenza Episcopale Polacca
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

"Esprimo il mio profondo dolore dopo la risoluzione del Parlamento europeo che chiedeva la possibilità di uccidere bambini non ancora nati".

Lo ha scritto l'Arcivescovo Stanisław Gądecki, Presidente della Conferenza Episcopale Polacca in reazione alla decisione del Parlamento Europeo, che ha approvato il cosiddetto rapporto Matić.

Il Metropolita di Poznań ha sottolineato che "la cultura della vita che avevano pensato i Padri Fondatori dell'UE si è trasformata in una cultura della morte e dell'esclusione, e l'ideologia ha preso il sopravvento sulla ragione".

La relazione Matić presuppone l'accesso universale all'aborto. La risoluzione invita tutti gli Stati membri dell'Unione Europea a garantire "l'accesso universale all'aborto sicuro e legale".  Incoraggia inoltre a garantire che "l'aborto su richiesta sia legale all'inizio della gravidanza"e successivamente quando "la salute della donna in gravidanza è a rischio".

Il 22 giugno l'Arcivescovo Stanisław Gądecki aveva inviato agli europarlamentari una dichiarazione chiedendo che la risoluzione fosse respinta. "L'aborto è sempre una violazione del diritto umano fondamentale alla vita, tanto più ripugnante in quanto riguarda la vita dei più vulnerabili e completamente indifesi. È quindi la discriminazione più ingiusta", aveva scritto allora il Presidente dell'Episcopato Polacco.

L'Arcivescovo Gądecki ha osservato che il Rapporto Matić mina non solo il diritto alla vita, ma anche il diritto alla libertà di coscienza. "Va ricordato che l'Unione Europea nella Carta dei Diritti Fondamentali menziona esplicitamente il diritto alla coscienza, che è una caratteristica particolare di tale organizzazione.

Il diritto di coscienza, anche del personale medico, è esplicitamente garantito dalle costituzioni di molti Stati membri. L'adozione della risoluzione potrebbe quindi essere considerata persino un attacco alle costituzioni di molti Stati membri" – ha dichiarato il Presidente dell'Episcopato.

Family News Service / polskifr.fr

Ti potrebbe interessare